Covid in Puglia, diminuiscono i decessi ma aumentano i pazienti ricoverati

Covid in Puglia, diminuiscono i decessi ma aumentano i pazienti ricoverati
BrindisiReport INTERNO

Sono stati registrati 6 decessi: 3 in provincia di Bari, 2 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Taranto.

I Post Covid ospitano 12 pazienti a Mesagne e 7 a Ceglie Messapica

I pazienti guariti sono 103.496 (ieri erano 102.858; 33.198 sono i casi attualmente positivi.

Covid in Puglia, meno decessi, su il numero dei pazienti ricoverati: oggi, domenica 21 febbraio sono 1.431, ieri erano 1.415.

I dati degli ospedali del Brindisino. (BrindisiReport)

Su altre testate

La Regione del resto, carte alla mano, si è impegnata a una massiccia campagna di vaccinazione, forte di un tasso di adesione nelle file del personale scolastico fra il 70 e l'80 per cento. (La Repubblica)

Occorre fare chiarezza. "Quale situazione grave e comprovata li porta a fare scelte così importanti per la vita quotidiana dei pugliesi? (BariToday)

Come si fa se entrambi i genitori lavorano?”, è diventato un must dei genitori molfettesi, nelle ultime ore sui social. E la decisione del governatore regionale Michele Emiliano, avvallata dalla sua squadra tecnico-scientifica, viene parecchio discussa sui social dai genitori. (MolfettaLive)

Scuola, Forza Italia Puglia: “Emiliano blocca la scuola. Ha nascosto i dati sul contagio in Puglia?”

Il report segnalato è quello del 18 febbraio che evidenzia "la necessità di adottare misure più restrittive in ambito regionale idonee a prevenire un repentino innalzamento della curva dei contagi, avendo attestato un perdurare della elevata circolazione virale in tutta la popolazione e in particolare un maggiore tasso di contagio registrato nella popolazione scolastica rispetto alla popolazione generale nello stesso periodo, unite al rischio di incremento previsto dalla diffusione delle nuove varianti del virus (che in altre regioni ha già condotto ad un importante aumento di contagi nelle fasce di età scolari)», si legge (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Con la nuova ordinanza sulla scuola cerchiamo di trovare un punto di equilibrio tra i due diritti costituzionali alla salute e all'istruzione. Dobbiamo da un lato assolutamente limitare la circolazione del virus in queste settimane per evitare scenari imprevedibili e critici". (MolfettaViva)

"La pazienza ha un limite: le decisioni che ineriscono a diritti fondamentali come quello allo studio devono affondare le radici in logiche oggettive e scientifiche e non sulle solite alchimie del consenso del presidente Emiliano. (AndriaViva)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr