Sindaco, vice e medici in campo per la campagna vaccinale

Sindaco, vice e medici in campo per la campagna vaccinale
L'Arena SALUTE

I medici di medicina generale del territorio vestenese Salvatore Peci e Franco Ambrosini sono pronti a dare manforte alla campagna vaccinale in atto e immunizzare i rispettivi pazienti.

Il primo cittadino ha messo in guardia: «Su mia indicazione, le forze dell’ordine intensificheranno i controlli durante le festività».

Il dottor Peci guarda avanti: «La situazione contagi ora è stazionaria e secondo me rientrerà fra una decina di giorni. (L'Arena)

Ne parlano anche altre testate

E per ottenere questo risultato serve la massima collaborazione di tutti. Il supporto delle Asl, volto a vaccinare a domicilio i nostri anziani o a organizzare sedute vaccinali aggiuntive presso le loro strutture, può aiutarci molto nel raggiungere l’obiettivo di vaccinare tutti gli over 80, anche con la seconda dose, entro la metà di maggio” (La Voce Apuana)

"Rischiano di essere cancellate 3100 dosi a settimana, seimila in tutto", conferma Stimamiglio. E a farne le spese saranno, soprattutto, i professori e il personale scolastico, oltre a vigili urbani, personale della protezione civile e degli uffici giudiziari. (La Repubblica)

Sono stati infatti finora 2.430 i dottori di famiglia che stanno partecipando attivamente alla campagna, ma solo 2.073 sono riusciti a ottenere le dosi ordinate Su 9.796 fiale prenotate, ne sono state distribuite solo 5.476 (il 56% circa), poco più di 300 i camici bianchi che si sono ritrovati senza sieri. (Corriere della Sera)

Vaccinazioni over 80: ASL a dare una mano ai medici

Il caso del dottor Monduzzi di Serra è solo l’ultimo di una serie iniziata subito dopo lo scoppio della pandemia. E va da sé che questo non fa che accrescere ulteriormente la penuria di medici di base nella nostra provincia. (La Gazzetta di Modena)

resce l'adesione dei medici di base per la somministrazione dei vaccini al domicilio dei loro pazienti che sono appartenenti a determinate fasce o categorie fragili, ma non mancano le difficoltà, i timori senza un adeguato scudo penale e le critiche a un possibile accordo per l'inoculazione delle dosi nelle farmacie. (Corriere Adriatico)

Il supporto delle Asl, volto a vaccinare a domicilio i nostri anziani o a organizzare sedute vaccinali aggiuntive presso le loro strutture, può aiutarci molto nel raggiungere l’obiettivo di vaccinare tutti gli over 80, anche con la seconda dose, entro la metà di maggio” (VTrend)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr