Elon Musk abbandona il progetto Bitcoin per Tesla

Virgilio Motori ECONOMIA

Elon Musk è appassionato di Dogecoin, la criptovaluta nata un po’ ‘per gioco’ ma che è apprezzata anche grazie agli apprezzamenti favorevoli di Musk

Ovviamente, visto l’annuncio, sarà anche impossibile comprare vetture Tesla con Bitcoin, come aveva lasciato intendere alcune settimane fa.

Una cosa che ci ha impressionato parecchio è il crollo di queste criptovalute, provocato senza alcun dubbio dalle poche battute pubblicate dal CEO di Tesla su Twitter. (Virgilio Motori)

Su altre testate

Echo Show 5 ed 8 ufficiali in Italia. Questa scelta riguarda l’impatto ambiente delle criptovalute: Musk ha dichiarato che finché il processo di mining dei Bitcoin non sarà sorretto quasi completamente da energie rinnovabili, Tesla non permetterà l’utilizzo di tale tecnologia. (SmartWorld)

Come è successo con i bitcoin: prima Musk aveva annunciato che sarebbe stato possibile acquistare le automobili Tesla con quel tipo di criptovaluta, poi ha sospeso l’operazione citando gravi problemi ambientali ad essa collegati. (FormulaPassion.it)

Il dietro front su Twitter. Cosa sta succedendo a Bitcoin in caduta libera da due giorni dopo una frase di Elon Musk. Cosa sta succedendo a Bitcoin in caduta libera da due giorni dopo una frase di Elon Musk. (Proiezioni di Borsa)

Il numero uno di Tesla ha bloccato il pagamento delle auto elettriche con Bitcoin e per la prima volta ha posto la questione ambientale legata al mining. A trascinare al ribasso le quotazioni di Bitcoin e delle altre cripto sono state le parole di Elon Musk (Investire.biz)

Inutile dire che il quesito di Musk è stato quasi un plebiscito della rete in favore dei Doge. di Carblogger. Più di 100 milioni di dollari, questo l’utile che ha avuto Elon Musk dopo aver venduto il 10% suoi 1,5 miliardi di dollari in bitcoin (Il Fatto Quotidiano)

Von Braun, tra l’altro, è stato l’ideatore di diversi razzi V2 del Reich, poi dei veicoli di lancio che consentirono le missioni Apollo verso la Luna nel 1968 e 1972. Beh, che dire, basta sfogliare il libro, tradotto in italiano e disponibile in edizioni Dedalo (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr