Solidarietà alla Cgil dopo l'assalto di gruppi fascisti e no vax alla sede nazionale

Solidarietà alla Cgil dopo l'assalto di gruppi fascisti e no vax alla sede nazionale
Prima Treviglio INTERNO

Dopo le violenze di gruppi fascisti e no vax sabato a Roma, con atti di vandalismo che hanno colpito la sede nazionale della CGIL, il sindacato ha immediatamente reagito aprendo e presidiando tutte le Camere del Lavoro in Italia.

Solidarietà alla Cgil, ieri sede aperta a Bergamo. Anche la sede della CGIL di Bergamo, infatti, ieri è rimasta aperta, sia la mattina che nel pomeriggio in concomitanza con la manifestazione no vax organizzata sul Sentierone. (Prima Treviglio)

Se ne è parlato anche su altri giornali

All'esterno della sede della Cgil Draghi si è fermato a salutare dipendenti e delegati sindacali ed e stato più volte applaudito. "Ho ringraziato il presidente Draghi, la sua visita ha un significato molto importante. (AGI - Agenzia Italia)

– Confartigianato esprime alla Cgil piena solidarietà e condanna il vile attacco alla sua sede. Auspichiamo misure nette ed esemplari a dimostrazione che non ci può essere tolleranza verso qualsiasi forma di violenza” (Lecco Notizie)

Lunedì 11 Ottobre 2021, 11:58 - Ultimo aggiornamento: 13:31. Assalto alla Capitale, mentre Draghi incontra Landini alla Cgil, sono due i fascicoli di indagine avviati dalla Procura romana in relazione agli scontri avvenuti sabato nel cuore di Roma. (ilmessaggero.it)

Trento: manifestazione Cgil contro l'assalto alla sede di Roma. Dall'antifascismo all'anti no-vax

I fatti accaduti non vanno sottovalutati e gli eversori vanno perseguiti in primo. luogo applicando le leggi esistenti: è il momento di sciogliere tutte quelle formazioni che si richiamano al fascismo. (QDM Notizie)

Tra l’altro, si è appreso che l’assalto all'Umberto I di Roma – uno dei molti luoghi presi di mira dai violenti sabato notte – è avvenuto per "liberare" un siciliano ferito negli scontri e ricoverato in stato di fermo nell’ospedale: come per gli uffici del sindacato, anche in questo caso i malviventi hanno sfondato il portone d’ingresso e aggredito il personale, devastando i locali e riusciti ad entrare nell’area rossa del pronto soccorso. (RagusaNews)

C’è stata ieri anche a Trento una manifestazione davanti alla sede della Cgil contro il “fascismo” dei manifestanti no-green pass e no vax. Hanno preso parola alcuni cittadini presenti, il segretario trentino della Cisl, un rappresentante della Uil e molte altre personalità rilevanti. (la VOCE del TRENTINO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr