Turisti in calo a Massa-Carrara: male alberghi e campeggi, bene b&b e case

La Voce Apuana La Voce Apuana (Interno)

Solo in un biennio questa tipologia di turismo all'aria aperta ha perduto oltre 50 mila presenze.

Massa-Carrara - Turismo in calo dell'1,3% a Massa-Carrara nel 2019.

Nell'arco dell'ultimo decennio il capoluogo ha perso ufficialmente oltre 300 mila presenze turistiche (-27%).

al punto che il saldo con il 2009 è negativo di 10 mila unità (-12%).

«Il calo delle presenze – è scritto nel rapporto – è dovuto in modo particolare alla perdita registrata negli alberghi (-4.6%). (La Voce Apuana)

La notizia riportata su altri media

La città - conclude - deve sapere se qualcuno ha preso soldi senza dare nulla in cambio ai massesi". Massa - L’emendamento su via Madonna del Golfo che ieri l'altro ha spaccato la maggioranza e il gruppo consiliare della Lista Persiani, "non è una tempesta in un bicchier d’acqua come si vorrebbe far credere". (La Voce Apuana)

Non ci sono stati, comunque, nuovi casi sul territorio provinciale. In Toscana, invece, oggi sono stati 6 i nuovi pazienti positivi in più, 3 in provincia di Firenze, 1 a Lucca e 2 a Pisa. (Qui News Massa Carrara)

Venti: deboli o localmente moderati a regime di brezza con componente Sud-occidentale. Massa-Carrara - Cielo sereno o poco nuvoloso per sottili velature; sulle aree montuose consueta formazione di nubi cumuliformi durante le ore più calde, con rischio medio-basso di brevi ed isolati acquazzoni lungo il crinale appenninico e sulla Lunigiana Nord-occidentale. (La Voce Apuana)

Non si sono avuti né a Massa Carrara nè nel resto della Toscana, comunque, nuovi decessi riconducibili al Coronavirus. Il totale dei pazienti che non ce l'hanno fatta rimane, dunque, di 173 a Massa Carrara e di 1.134 in tutta la regione. (Qui News Massa Carrara)

"E’una stagione diversa, molto diversa dalle altre", spiega volto conosciuto dell’atelier della moda Bianchini in piazza Bertagnini : "Speriamo che con i saldi ci possa essere una ripresa. E’ necessario che il commercio riparta e che il centro storico si ripopoli. (LA NAZIONE)

Ci sentiamo distanti da quanto letto e ribadiamo il massimo rispetto per chi lavora e rischia la propria vita in cava". Detto questo, mai e poi mai si deve arrivare all’esasperazione dei toni augurando la morte a chi opera al monte perché ritenuto responsabile di quanto lì avviene, perché si sta parlando di qualcuno che lavora per portare a casa uno stipendio, di lavoratori, di persone. (La Voce Apuana)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr