La sorella di Falcone dopo le rivelazioni di Ilda Boccassini: "Ormai si è perso il senso del pudore"

La sorella di Falcone dopo le rivelazioni di Ilda Boccassini: Ormai si è perso il senso del pudore
Today.it INTERNO

Dopo che il pm di punta della Procura di Milano in un libro ha raccontato di una presunta love story con il giudice, Maria Falcone aveva deciso di non replicare.

Quando, però, si supera il limite e si arriva, forse paradossalmente con fini opposti, a commenti inappropriati che scadono nella ridicolizzazione è, secondo me, impossibile non replicare"

Stamattina, invece, ritenendo "superato il limite" dopo aver letto un intervento satirico sulla vicenda, pubblicato dal quotidiano La Sicilia, ha però voluto dire la sua. (Today.it)

Ne parlano anche altri giornali

Maria Falcone, sorella del giudice scomparso a causa di un attentato della mafia a Capaci tra l'aeroporto di Punta Raisi e Palermo, parla per la prima volta del libro della dottoressa Ilda Boccassini, ma le sue sono parole dure. (leggo.it)

Pubblicità Pubblicità. «Questo immaginare scenette da sit-com di basso livello – osserva Maria – questo descrivere due persone, che hanno fatto della compostezza e della riservatezza regole di vita e che sono state uccise per difendere la democrazia nel nostro Paese, come ridicoli protagonisti di un romanzetto di quart’ordine è vergognoso. (la VOCE del TRENTINO)

Il commento in questione è stato pubblicato su Facebook e si riferisce al racconto personale che la Boccassini fa del viaggio in aereo affrontato nel 1990 insieme al giudice Falcone verso l’Argentina per l’interrogatorio di un boss La donna, nello specifico, è intervenuta in merito a un intervento ‘satirico’ apparso sul quotidiano La Sicilia a firma dello scrittore Ottavio Cappellani sul libro autobiografico dell’ex magistrato Ilda Boccassini (Il Mattino)

La sorella di Falcone gela la Boccassini: "Vergogna"

Già dopo la pubblicazione del libro “La Stanza Numero 30” di Ilda Boccassini la tensione che si percepiva era assai alta e oggi la sorella di Giovanni Falcone ha rotto in silenzio in difesa del fratello e della sua memoria. (Antimafia Duemila)

"Non ritenevo che dovesse essere oggetto lui di indagini, una ricerca ossessiva dei suoi tabulati, le carte di credito, i viaggi effettuati" Fu allora che Falcone disse al ministro della giustizia Claudio Martelli che sarebbe andato in America da Tommaso Buscetta, per i rapporti che il pentito sosteneva di aver avuto con Lima. (LiberoQuotidiano.it)

Inevitabile che il polverone sollevato da "La stanza numero 30", libro autobiografico di Ilda Boccassini, travolgesse anche persone molto vicine a Giovanni Falcone, uomo per il quale l'ex magistrato dichiara di aver nutrito amore, raccontando alcuni dettagli del rapporto con lo stesso "Quel che allarma innanzitutto è che sembra si sia smarrito ormai qualunque senso del pudore e del rispetto" , affonda Maria Falcone. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr