Covid-19. Almeno una dose di vaccino ricevuta da quasi il 60% dei veneti

Covid-19. Almeno una dose di vaccino ricevuta da quasi il 60% dei veneti
VeronaSera INTERNO

Almeno una dose è stata somministrata anche all'80,2% delle persone affette da disabilità e all'82,9% dei "vulnerabili".

Mercoledì in provincia di Verona sono state somministrate 8523 dosi tra Ulss 9 Scaligera e Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata, per un totale di 901022

Di quest'ultime, 8137 sono state utilizzate per vaccinare la prima volta l'individuo di turno e 34318 per completare il ciclo. (VeronaSera)

Su altre testate

L'azienda ospedaliera di Padova vede ricoverati 13 pazienti attualmente affetti da Coronavirus di cui due in terapia intensiva, mentre due pazienti sono ricoverati in area non critica al Sant'Antonio. (PadovaOggi)

Non si arresta la corsa del Covid in Veneto: nella giornata di oggi, giovedì 22 luglio 2021, si sono registrati 819 nuovi contagi in 24 ore (ieri erano 457 e 600 l'altro ieri). Oggi il decreto che cambia i parametri. (ilgazzettino.it)

È quanto dichiara in una nota Anna Maria Bigon, consigliera regionale PD e vicepresidente della commissione Sanità, commentando alcuni recenti episodi di cronaca in Veneto. Per chi non rispetta le regole, cercando di ingannare la collettività, è necessario il pugno duro. (VeronaSera)

Veneto in zona gialla per i contagi: un decreto annullerà le restrizioni

Crescono leggermente le ospedalizzazioni nei normali reparti ma calano le terapie intensive. A Verona intanto arriva il bus per effettuare i tamponi gratuitamente. VERONA. (il Dolomiti)

Per quanto riguarda invece i ricoveri in ospedale sono 62 in area non critica (+15) e 10 (-2) in Terapia intensiva. I veneti che hanno ricevuto almeno una dose sono oggi 2.866.236 (il 59,1%), 2.312.948 (47,7%) hanno invece completato il ciclo (VicenzaToday)

Abbiamo tanti contagi ma pochi ricoveri e non è più tollerabile penalizzare chi si è vaccinato Per mantenere l’Italia in zona bianca vanno cambiati i parametri sul cambio di scenario epidemiologico. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr