Assalto alla scuola Diaz, la Cedu dichiara inammissibili i ricorsi dei poliziotti del reparto mobile che fecero irruzione

Genova24.it INTERNO

Restano invece pendenti da oltre due anni, ma erano stati dichiarati ammissibili i ricorsi di una decina di dirigenti di polizia condannati sempre per l’irruzione alla Diaz.

In questo caso i dirigenti, tutti condannati a 4 anni per falso in appello, erano stati assolti in primo grado

Allo stesso modo, la Corte europea ha dichiarato ‘inammissibile’ il ricorso di Angelo Cenni e altri due colleghi, capisquadra del VII Nucleo Reparto Mobile di Roma (Genova24.it)

Su altre testate

Fin dal mattino viene segnalata la presenza di cosiddetti black bloc, ma le forze dell’ordine non intervengono, nonostante le numerose telefonate dei cittadini. Macchine rovesciate, cassonetti dati alle fiamme, il lancio dei lacrimogeni e le cariche indiscriminate delle forze dell'ordine fanno precipitare la situazione in un caos incontrollabile (Sky Tg24 )

Ne consegue che le «accuse» mosse dai ricorrenti «sono manifestamente infondate» e il ricorso è «irricevibile». Per il caposquadra Cenni e i suoi due colleghi, la Corte Cedu «ritiene che i fatti presentati non rivelino alcuna apparenza di violazione dei diritti e delle libertà enunciati nella Convenzione o nei suoi protocolli» (Il Sole 24 ORE)

La decisione della Corte in composizione di giudice unico è definitiva e non può essere oggetto di ulteriori ricorsi a Corte europea dei diritti dell'uomo (Cedu) ha dichiarato inammissibili i ricorsi presentati da alcuni poliziotti che erano stati condannati per l'irruzione alla scuola Diaz durante il G8 di Genova del 2001. (Primocanale)

Stessa sorte per il ricorso, dichiarato 'inammissibile' dalla Corte europea, presentato da Angelo Cenni e dai colleghi. anni esatti dal G8 di Genova del luglio 2001, la Corte europea dei Diritti dell'Uomo ha dichiarato inammissibili i ricorsi presentati da alcuni poliziotti condannati per l'irruzione alla scuola Diaz. (GenovaToday)

E forse anche ora, dopo venti anni, l’impressione più forte, quella indelebile, è di aver incontrato l’incongruità di un incubo Nelle orecchie il suono terrorizzante e il ritmo che aumenta, dei manganelli della polizia che battono sugli scudi. (La Gazzetta di Reggio)

Per dirla con le parole di Vittorio Agnoletto, all’epoca portavoce del Genoa Social Forum, a LaPresse “vent’anni fa dicevamo ‘un altro mondo è possibile’. In apertura del primo convegno tra i relatori, oltre allo stesso Agnoletto, ci saranno padre Alex Zanotelli, don Luigi Ciotti. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr