Bonus edilizi e controlli sulle cessioni: qual è il ruolo delle banche?

Investire Oggi ECONOMIA

Anche le banche hanno un ruolo chiaro nei controlli sulle cessioni dei crediti edilizi; infatti banche e intermediari sono chiamate ad intercettare le operazioni c.d.

Il decreto Antifrode e i controlli sulle cessioni dei bonus edilizi. Con il D.L.

Bonus ristrutturazione, superbonus, bonus facciate ecc. Oltre a prevedere controlli preventivi sulle comunicazioni delle suddette opzioni di sconto/cessione del credito, ha anche individuato il ruolo delle banche ai fini dei controllo sulle cessione dei crediti dalle stesse acquisite. (Investire Oggi)

Se ne è parlato anche su altri giornali

In seguito alla pubblicazione del Dl 157/2021 (meglio noto come Dl Anti-frode) che ha lo scopo di limitare i comportamenti fraudolenti in materia di bonus edilizi, l'Agenzia delle entrate, con il Provvedimento 1° dicembre 2021, n. (Nextville.it)

Il periodo di sospensione non può essere maggiore di trenta giorni rispetto alla data nella quale l’Agenzia delle entrate rende nota la sospensione stessa. Ti invieremo gratuitamente la nostra famosa rassegna fiscale, e ogni tanto ti segnaleremo e-book, software e circolari che potrebbero interessarti. (Fiscoetasse)

Autore: Redazione. Con i bonus casa che sono sempre di più protagonisti e con le ultime novità previste dalla legge di Bilancio 2022, è importante capire bene qual è la differenza tra cessione del credito e sconto in fattura. (idealista.it/news)

Se, dopo le verifiche, invece non risultano confermati gli elementi di rischio che hanno determinato la sospensione, o è decorso il periodo massimo di sospensione, le comunicazioni si considerano effettuate e producono gli effetti previsti dai provvedimenti del direttore dell'Agenzia delle Entrate (Notizie - MSN Italia)

La disposizione, si ricorda, ha previsto una particolare misura di controllo preventivo delle comunicazioni delle cessioni, anche successive alla prima, e delle opzioni inviate all’Amministrazione finanziaria ai sensi degli artt. (MySolution)

Rispetto alla sua prima formulazione, la norma sul credito d'imposta in questione ha subito molteplici modifiche che ha prorogato la misura e ne ha esteso il perimetro applicativo. L'eventuale quota residua non spesa nell'anno non può essere utilizzata negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso (Condominio Web)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr