Spaccio di droga "porta a porta", blitz a Milazzo: 12 misure cautelari

Giornale di Sicilia INTERNO

L'organizzazione aveva numerosi clienti, oramai fidelizzati con richieste quasi quotidiane di droga, soprattutto cocaina e crack, e aveva escogitato numerosi diversivi per non incorrere in sequestri.

Le indagini hanno documentato anche l'utilizzo di un linguaggio criptico convenzionale nelle conversazioni, quale il termine "pizza" per indicare le dosi di crack.

In particolare attraverso il sistema delle consegne "porta a porta" e della spedizione di pacchi contenenti sostanze stupefacenti, da qui il nome dell'operazione. (Giornale di Sicilia)

Se ne è parlato anche su altri media

Le accuse, a vario titolo, sono di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dalla disponibilità di armi, oltreché di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina, eroina, ecstasy, hashish e marijuana. (BariToday)

I 17 rispondono, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dalla disponibilità di armi. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto coordinatore della Dda Francesco Giannella con il sostituto Claudio Pinto (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Secondo gli inquirenti lo stupefacente sul mercato avrebbe fruttato circa 1,5 milioni di euro. Ora l’inchiesta prosegue per capire da dove venisse e a quali piazze di spaccio fossero destinati hashish e marijuana, quali collegamenti con la criminalità organizzata. (Fanpage.it)

Sono 17 le misure cautelari eseguite: 13 in carcere e 4 agli arresti domiciliari. Da questa mattina all’alba è in corso una vasta operazione della Squadra mobile di Bari. (StatoQuotidiano.it)

Nel borsello, inoltre, il giovane veniva trovato in possesso di 755 euro in contanti, verosimile provento dell’attività di spaccio. A scoprirlo i carabinieri della Compagnia di Pomezia che hanno arrestato, in flagranza di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un ragazzo di 28 anni originario di Roma, e denunciato il complice. (RomaToday)

L'operazione della Squadra mobile, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, riguarda una presunta organizzazione criminale che avrebbe gestito il traffico e lo spaccio di droga nel quartiere San Pasquale di Bari. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr