Salvare l'ergastolo ostativo. L'offerta della Cartabia ai partiti

Salvare l'ergastolo ostativo. L'offerta della Cartabia ai partiti
Per saperne di più:
LA NOTIZIA INTERNO

Ma non possiamo permetterci che i fondi del Recovery Plan” finiscano in mani sbagliate, e “che quei processi siano inquinati da fenomeni illeciti”.

Nel lungo intervento la Cartabia si è poi concentrata sulle sentenze della Corte europea dei diritti umani e della Consulta che hanno smantellato l’ergastolo ostativo.

“La Mafia non è ancora stata sconfitta, è quindi necessario tenere sempre l’attenzione alta e vigile da parte dello Stato”. (LA NOTIZIA)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Durante l’audizione davanti alla Commissione Antimafia la ministra della Giustizia Marta Cartabia si è soffermata sull’importanza del contributo fornito dai collaboratori di giustizia nel contrasto alle organizzazioni mafiose. (Il Fatto Quotidiano)

Ecco l'idea che la ministra della Giustizia Marta Cartabia affida alla Commissione parlamentare Antimafia - e ovviamente attraverso l'organo bicamerale al Parlamento che dovrà legiferare - nel corso dei suoi sessanta serrati minuti di audizione, a Palazzo San Macuto (la Repubblica)

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. (Antimafia Duemila)

Mafia, il procuratore di Messina De Lucia: "La legge sui pentiti è fondamentale"

Gli oracoli di casa nostra e il nuovo governo di Centro Destra che verrà. . Governo Di Maio-Salvini: no mafia! Questi e tanti altri i temi toccati dalla ministra della Giustizia Marta Cartabia, intervenuta oggi in Commissione Antimafia. (Antimafia Duemila)

Ugualmente alta dovrà essere la soglia di attenzione sulla corruzione: “I poteri di indirizzo e vigilanza dell’Anac non saranno intaccati. Cartabia si è soffermata anche sul tema dell’ergastolo ostativo, rimandando tuttavia la discussione per una riforma al Parlamento, come chiesto dalla Consulta. (Il Fatto Quotidiano)

Lo ha detto, difendendo la legge sui pentiti, dopo le polemiche sulla scarcerazione dell’ex boss Giovani Brusca, Maurizio De Lucia, procuratore di Messina, intervenuto nella trasmissione «Fuori Tg» in onda su Rai3. (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr