"Riforma Cartabia ok, ma il processo civile va ridotto a due gradi"

Riforma Cartabia ok, ma il processo civile va ridotto a due gradi
il Giornale INTERNO

«Sono favorevole ad una semplificazione del rito, oggi troppo complicato e spero che questa riforma riesca a renderlo più agile.

Per lei i tempi lunghi nel civile non dipendono solo dal sistema farraginoso ma anche dallo scarso impegno dei magistrati?

Professore, la riforma del processo civile appena approvata dal parlamento è quella che aspettavamo da decenni?

Il tribunale della famiglia, ad esempio, va bene ma va integrato da esperti del settore, come gli assistenti sociali

Serve che si segua un processo scritto, senza consentire che ogni volta aumenti di volume per nuove richieste delle parti». (il Giornale)

Se ne è parlato anche su altri giornali

E' già legge infatti la riforma del processo penale e della crisi di impresa, che insieme alla riforma del processo civile costituiscono le condizioni ai quali sono subordinati gli oltre 200 miliardi del Pnrr. (Il Sole 24 ORE)

I tribunali per i minorenni non sono soppressi, ma trasformati in queste ultime nuove e centrali articolazioni, per valorizzare le loro specializzazioni. (Sky Tg24)

Viene istituito il tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie: tribunali circondariali e, quale organo centrale, un tribunale distrettuale. na riforma che punta a semplificare i procedimenti civili nelle forme e nei tempi, per fornire risposte più celeri ai cittadini e favorire l’attrazione degli investimenti stranieri. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Riforma del processo civile: dall'Aula della Camera ok alla fiducia con 443 sì

La giustizia civile punta sull’outsourcing e sulla telematica. Vanno potenziate al massimo le mediazioni e le negoziazioni assistite e si potranno raccogliere testimonianze negli studi legali, utilizzabili anche in giudizio. (Ipsoa)

Già dalla prima lettura della legge delega si può rilevare come per la mediazione l’impianto della riforma sia stato strutturato in quattro aree di intervento. La legge prevede infatti che i princìpi e i criteri direttivi dettati dal Parlamento debbano essere attuati dal Governo entro un anno. (Costozero)

I sì sono stati 443, i no 39, un solo astenuto.La Camera, con 443 voti favorevoli, 39 contrari e un solo astenuto, ha votato la questione di fiducia posta dal governo sull'approvazione, senza emendamenti, subemendamenti ed articoli aggiuntivi, dell'articolo unico del disegno di legge: "Delega al Governo per l'efficienza del processo civile e per la revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie e misure urgenti di razionalizzazione dei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie nonché in materia di esecuzione forzata", nel testo della Commissione, identico a quello approvato dal Senato. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr