Usa: "Patatine sono fredde" e spara ad un dipendente Mc Donald's

Usa: Patatine sono fredde e spara ad un dipendente Mc Donald's
Approfondimenti:
la Repubblica ESTERI

La lite è degenerata, e il ragazzo ha sparato al dipendente

E' successo lunedì sera a New York, nel quartiere di Brooklyn, secondo quanto riportato dalla polizia.

Tutto è iniziato perchè una donna di 40 anni lamentava con il dipendente che le patatine fritte che aveva ordinato erano fredde.

Secondo quanto riportato dal New York Post, il 23enne lavoratore di McDonald's è ricoverato in "condizioni critiche". (la Repubblica)

Su altre fonti

Lo riporta il New York Post. Sembra una storia uscita dal film un "Giorno di oerdinaria follia" con Michael Douglas. (Tiscali Notizie)

Leggo spiega malinconicamente che a New York, come in tutti gli Stati Uniti, “ogni anno migliaia di persone muoiono a causa delle armi. Patatine fredde, spara al dipendente. Il 20enne è arrivato nel locale, ha aggredito il cameriere e gli ha detto di uscire fuori, poi ha estratto una pistola e gli ha sparato al collo. (Yahoo Notizie)

Lo riporta il New York Post. Anche a New York, come in tutti gli Stati Uniti, ogni anno migliaia di persone muoiono a causa delle armi. (Tiscali Notizie)

Va al Mc Donald's e spara a un impiegato: "Le patatine sono fredde". In coma un 23enne

Accade a Brooklyn, New York, dove l'impiegato, un 23enne, è ricoverato in ospedale in coma: il giovane che ha sparato è stato arrestato dalla polizia per tentato omicidio, ed è stata fermata anche la sua ragazza, una 18enne. (leggo.it)

Succede a Brooklyn, New York, come riporta il New York Post. Le patatine sono fredde e lui spara all’impiegato del McDonald's. (L'Unione Sarda.it)

La cliente, infastidita dalla risposta del lavoratore, ha iniziato a urlare agli impiegati del fast food sostenendo di sentirsi presa in giro. In un Mc Donald's di New York, a Brooklyn, il giovane è stato ferito gravemente da un cliente perché il cibo che aveva servito a sua madre non era della temperatura gradita. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr