Pos obbligatorio in negozio: cosa cambia dal 30 giugno - Il Sole 24 ORE

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Titolo: Pos obbligatorio in negozio: cosa cambia dal 30 giugnoSommario: Da giovedì 30 giugno arrivano le sanzioni per i professionisti che non permetteranno ai loro clienti di pagare in modo digitale.

È un passaggio importante del processo normativo che punta a disincentivare l'uso del contante e a spingere i pagamenti con carte di credito, di debito e altre forme di digital payment.

Ma al di là delle sanzioni, è l'occasione per fare il punto sulle abitudini di acquisto degli italiani attraverso strumenti digitali, analizzando le tendenze, i costi e le opportunità anche in chiave lotta all'evasione fiscale. (Il Sole 24 ORE)

Su altri media

A prescindere però da come i clienti preferiscono pagare, sta per arrivare alla tappa conclusiva la piccola rivoluzione nel mondo del commercio, visto che da dopodomani, 30 giugno, le cose cambieranno. (LA NAZIONE)

Giovedì ,30 giugno, scatteranno multe per commercianti e professionisti che non permetteranno i pagamenti elettronici tramite Pos. Da giovedì scattano le multe per chi non accetta il Pos. (Positanonews)

Scattano infatti da giovedì le nuove regole previste dall’ultimo decreto Pnrr, che per negozianti, artigiani e studi professionali prevedono non piu’ solo l’obbligo di accettare i pagamenti con carta, ma anche l’applicazione di sanzioni in caso di mancato adeguamento alla normativa. (StrettoWeb)

Dal prossimo 30 giugno, potrà essere applicata una sanzione amministrativa pecuniaria in caso di mancata accettazione dei pagamenti con Pos. Prende il via dal 30 giugno 2022 il periodo sanzionatorio per coloro che rifiutano di eseguire le transazioni finanziarie attraverso il sistema Pos e quindi i pagamenti con carte di credito e bancomat. (BergamoNews.it)

E poi, davanti al commerciante scorretto, mi prenderei il tempo per scrivere una recensione neagtiva per far capire a tutti che ormai il Pos è davvero obbligatorio A quel punto potremo fare una segnalazione circostanziata (con orario e indirizzo esatto del punto vendita) alla Guardia di Finanza o anche soltanto alla Polizia locale. (Unione Nazionale Consumatori)

Prima minacciati, poi rimandati, adesso è ufficiale: i pagamenti elettronici saranno obbligatori e chi non si adegua pagherà la multa dal 30 giugno, ovvero una manciata di giorni. «Sbaglia chi vuole dipingere i commercinati come quelli contraria alla diffusione dei pagamenti elettronici». (Il Mattino di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr