Addio a Daniele Durante, creatore de “La Notte della Taranta”

Addio a Daniele Durante, creatore de “La Notte della Taranta”
LaPresse CULTURA E SPETTACOLO

Le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi giorni mentre era impegnato nella creazione di un innovativo Concerto digitale della Taranta”, ricorda la Fondazione Notte della Taranta in una nota.

Daniele Durante, la Notte della Taranta e l’impegno per il Salento. Daniele Durante era direttore artistico della Fondazione dal 2016 e, dal 1998, accanto a Daniele Sepe, si era impegnato nell’opera di rinnovamento della tradizione musicale salentina. (LaPresse)

La notizia riportata su altri media

Il maggiore esperto di musica popolare del Salento era considerato il 'geniò della pizzica Era malato da tempo e le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi giorni. (Gazzetta di Parma)

Durante è stato definito “l’uomo che ha trasformato il folklore salentino in un genere riconosciuto e apprezzato in ogni parte del mondo”. (Notizie.it )

E lacrime, tante lacrime ad accompagnare il rito laico per l'addio a Daniele Durante, padre geniale della Notte della Taranta scomparso ieri all'età di 66 anni per un male incurabile. Poi i tamburelli percossi al ritmo indiavolato di un catartico "Santu Paulu meo". (Quotidiano di Puglia)

È morto Daniele Durante, la tradizione popolare perde un protagonista assoluto

Le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi giorni mentre era impegnato nella creazione di un innovativo Concerto digitale della Taranta (Andria news24city)

Nel 2018 ha musicato in chiave pizzica una parte del 'Barbiere di Siviglia' per il progetto speciale della Taranta in collaborazione con il Festival Valle d'Itria. Per la Fondazione La Notte della Taranta, Durante ha composto il brano 'Fuecu' dedicato alla Focara di Novoli e nel 2020 il brano 'Tarantae" dedicato alla rinascita della divinità zoomorfa. (Sky Tg24 )

È scomparso Daniele Durante, strappato alle scene della musica salentina da una grave malattia. E a noi tutti resta il compito importante di conservarne la memoria (Leccenews24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr