SAS avvia processo di bancarotta negli Stati Uniti

Finanza Repubblica ECONOMIA

Il processo di bancarotta controllata è stato iniziato dopo il fallimento delle trattative salariali tra SAS e i piloti, con la società che ha spiegato che "lo sciopero dei piloti ha avuto un impatto sulla posizione finanziaria e sulla liquidità".

La prevede di adempiere ai propri obblighi commerciali a breve termine e ha un saldo di cassa di 7,8 miliardi di corone svedesi al 30 giugno 2022 (circa 720 milioni di euro). (Finanza Repubblica)

Su altri giornali

“Uno sciopero a questo punto è devastante per SAS e mette a rischio il futuro della compagnia, così come il posto di lavoro di migliaia di colleghi. Le trattative sui compensi tra SAS e i sindacati dei piloti sono andate avanti per tutta la settimana scorsa per prevenire lo sciopero, ma SAS ha reso noto che non sono riusciti a raggiungere un accordo. (Investing.com Italia)

Dopo il fallimento dei negoziati sulle condizioni salariali, il principale sindacato dei piloti della compagnia aerea ha deciso di mettere in atto la sua minaccia e incrociare le braccia. Secondo la direzione, lo sciopero comporterà la cancellazione del 50% dei voli, con un impatto su 30.000 passeggeri al giorno, ha dichiarato Sas in un comunicato. (IL GIORNO)

Aerei cancellati e compagnie nella bufera, viaggi sempre più a rischio. All’origine del flop figurano i vuoti di organico nelle operazioni di terra, dall’imbarco/sbarco bagagli agli addetti alla sicurezza che mettono sempre più a rischio aerei e compagnie. (Notizie - MSN Italia)

Lo ha annunciato la stessa compagnia, secondo quanto riferisce Bloomberg. La procedura del Chapter 11 è accessibile a società che hanno asset ed attività negli Stati Uniti e permette loro di continuare le operazioni mentre sono in fase di ristrutturazione. (La Sicilia)

Aviazione Fra scioperi e bancarotta, la lunga strada di SAS per tornare a volare. La compagnia scandinava ha fatto ricorso al capitolo 11 della legge fallimentare statunitense: servono nuovi investitori, ma le prospettive non sembrano buone (Corriere del Ticino)

Ieri 1.000 piloti dell'aviolinea sono entrati in sciopero ed oggi Sas ha dovuto annullare il 78% delle partenze, pari a 236 voli. Il Gruppo punta a tagliare un debito di 1,9 miliardi di dollari (Tiscali Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr