Australian Open, Osaka non fallisce: è il suo quarto Slam

Australian Open, Osaka non fallisce: è il suo quarto Slam
La Gazzetta dello Sport SPORT

Nulla però può fermare la Osaka che sul 5-2 arriva a due punti dal match garantendosi la possibilità di servire per il match sul 5-3.

E’ il suo quarto successo Slam in altrettante finale dopo US Open 2018, Australian Open 2019 e US Open 2020.

Su quella palla affossata in rete, finisce l’avventura di Jennifer Brady nella sua prima finale Slam.

Sopravvissuta — Noami Osaka è l’ottava tennista nella storia a vincere il torneo dopo aver salvato dei match point (ne ha salvati 2 negli ottavi a Garbine Muguruza sul 5-3 del terzo set)

E’ lei a stringere al petto la Daphne Akhurst Memorial Cup, il trofeo dal collo lungo che simboleggia la vittoria nel primo Slam della stagione. (La Gazzetta dello Sport)

Ne parlano anche altre fonti

“Ho dovuto fare la quarantena dura, ringrazio gli organizzatori per averla resa meno complicata”, ha detto Brady. Naomi Osaka continua a dimostrare di essere la più forte di tutte sul cemento, conquistando il suo secondo Australian Open e quarto Slam (tutti su questa superficie) battendo Jennifer Brady per 6-4 6-3 in 77 minuti. (Ubi Tennis)

Ora Osaka riesce a tirare anche qualche colpo più elaborato e difficile, trovando delle traiettorie preziose che le permettono di affossare ancora di più la rivale. Di fatto la partita psicologica della Brady è finita con il grave errore del primo set che ha permesso a Osaka di conquistare la prima partita. (Ck12 Giornale)

“Ho dovuto fare la quarantena dura, ringrazio gli organizzatori per averla resa meno complicata”, ha detto Brady. Grazie anche al pubblico, perché avervi qui mi ha dato grande energia dopo aver giocato la finale Slam precedente a porte chiuse”. (Ubi Tennis)

Osaka vincente, ma sempre umile: “Un passo alla volta, devo ancora migliorare sulle altre superfici”

Non credo ci sia qualcosa di intangibile in lei, credo sia umana – come tutti noi in questa stanza Abbiamo potuto fare una vita normale, andare fuori a cena, ed è qualcosa che non facevamo da molto tempo. (Ubi Tennis)

Ma se c’è una tennista che può dare stabilità alle gerarchie fluide del tennis femminile è sicuramente Naomi Osaka, che in una finale (brutterella) degli Australian Open ha battuto 6-4 6-3 Jennifer Brady vincendo il suo quarto torneo Slam su quattro finali. (La Stampa)

“Ho dovuto fare la quarantena dura, ringrazio gli organizzatori per averla resa meno complicata”, ha detto Brady. “Sono felice di aver potuto giocare davanti agli appassionati nella mia prima finale Slam, spero di avere altre opportunità in futuro“. (Ubi Tennis)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr