Clochard uccisa davanti alla chiesa con 12 coltellate: fermato un 70enne

Clochard uccisa davanti alla chiesa con 12 coltellate: fermato un 70enne
Altri dettagli:
Olbiapuntoit INTERNO

Il corpo della donna di 68 anni era stato ritrovato in una pozza di sangue all'alba di ieri, 10 settembre, in via Garibaldi a Messina, proprio davanti all'ingresso della chiesa di Santa Catarina.

La donna sarebbe stata colpita con 12 coltellate, una delle quali avrebbe le avrebbe reciso la giugulare.

Partita anche l'inchiesta da parte della Procura di Messina per ipotesi di reato di omicidio affidata al Pm Piero Vinci. (Olbiapuntoit)

Ne parlano anche altre fonti

I passanti hanno lanciato l'allarme dopo averla vista distesa, in una pozza di sangue, sui gradini della chiesa di Santa Caterina. "Quando passavo davanti alla chiesa - racconta una passante a MessinaToday - vedevo questa povera donna che dormiva sotto il tetto della cattedrale". (PalermoToday)

Ad incastrare l’uomo di 70 anni, come riporta Ansa, sono state le immagini dei sistemi di sorveglianza nella zona. La donna uccisa è una 68enne, Concetta Gioè, mentre il senza fissa dimora che secondo gli inquirenti potrebbe aver commesso l’omicidio è un 70enne pregiudicato originario di Furci Siculo. (Virgilio Notizie)

E’ un pregiudicato Clochard uccisa a Messina: fermato un uomo, inchiodato dalla telecamera Interrogato per 2 ore l'uomo non ha ammesso il delitto. Si vede Pietro Miduri, 70 anni, mentre con passo incerto si avvicina alla scala della chiesa di Santa Caterina a Messina, dove riposava la clochard Concetta Gioè, 68 anni. (Rai News)

Clochard palermitana trovata morta a Messina, fermato il presunto omicida: è un senzatetto

Ecco il video che accusa il 70enne fermato dai carabinieri di Messina per l'omicidio della clochard Concetta Gioè, 68 anni, uccisa ieri davanti alla chiesa di Santa Caterina a Messina. Le telecamere di sicurezza di una struttura della zona lo riprendono mentre con passo incerto si avvicina alla scala sulla quale riposava la donna. (Giornale di Sicilia)

Ai familiari, il corpo della donna sarà restituito dopo l’autopsia Concetta Gioè era originaria di Palermo, ed ha un marito e tre figli, ma da anni era andata via dalla sua città natale scegliendo di vivere in strada a Messina (Lettera Emme)

Secondo la ricostruzione dei carabinieri avrebbe aggredito con un'arma da taglio Concetta Gioè in varie parti del corpo dopo una lite. L'uomo, settant’anni, è stato trasferito in carcere dopo un lungo interrogatorio. (PalermoToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr