Giustizia, riforma del processo civile: tempi rapidi e burocrazia ridotta. Come cambia

Giustizia, riforma del processo civile: tempi rapidi e burocrazia ridotta. Come cambia
Corriere della Sera INTERNO

Ma vediamo cosa cambia in concreto (la ministra della Giustizia, Marta Cartabia ha sottolineato che «come già avvenuto per la riforma del processo penale, anche per quella civile il ministero si metterà subito all’opera per una pronta attuazione della legge delega»)

Nuove regole che vengono introdotte con la riforma approvata oggi in via definitiva dal Parlamento.

Dal tribunale della famiglia, con maggiori tutele per le vittime di violenza, alla semplificazione dei riti, con la valorizzazione di forme di giustizia alternativa, sono tante le novità in arrivo. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri giornali

E' già legge infatti la riforma del processo penale e della crisi di impresa, che insieme alla riforma del processo civile costituiscono le condizioni ai quali sono subordinati gli oltre 200 miliardi del Pnrr. (Il Sole 24 ORE)

Rafforzata la tutela del credito nel processo esecutivo. Diverse le novità anche nel processo esecutivo, viene prevista la semplificazione per l'inizio del giudizio con la soppressione della formula esecutiva. (Il Sole 24 ORE)

Lo ha detto il vicepresidente della commissione Giustizia della Camera, Franco Vazio, intervenendo in Aula per esprimere il voto favore del Gruppo Pd al Ddl Efficienza processo civile. “La riforma del processo penale, civile e tributario è una delle condizioni che l’Europa pone all’Italia per l’accesso ai fondi del Pnrr. (IVG.it)

Processo civile: i punti principali della riforma

Viene istituito il tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie: tribunali circondariali e, quale organo centrale, un tribunale distrettuale. na riforma che punta a semplificare i procedimenti civili nelle forme e nei tempi, per fornire risposte più celeri ai cittadini e favorire l’attrazione degli investimenti stranieri. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Il governo ha ora 12 mesi di tempo per preparare i decreti legislativi di attuazione della delega. L’ok alla riforma del civile arriva dopo il voto definitivo a quella penale, che ha incassato il via libera del Senato lo scorso 23 settembre (Il Dubbio)

Dal via libera definitivo di Montecitorio, l’esecutivo avrà 12 mesi di tempo per emanare i decreti legislativi di attuazione della delega. SEMPLIFICAZIONE DEL PROCESSO: Nel processo di primo grado si introducono dei termini intermedi dopo gli atti introduttivi per definire le domande, le eccezioni e le richieste di prova. (la voce d'italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr