Incendi, brucia anche l’Oasi degli Astroni

Incendi, brucia anche l’Oasi degli Astroni
Corriere del Mezzogiorno INTERNO

Complici le condizioni meteo e la siccità, le fiamme si sono rapidamente sviluppate sino al cuore della riserva.

Segnalazioni, ancora non confermate, indicano quale causa del rogo l’esplosione di alcuni fuochi artificiali avvenuta in un’area poco distante dal confine dell’oasi.

Il Wwf, come sempre, sarà a fianco delle autorità inquirenti offrendo il massimo supporto per l’individuazione dei responsabili». (Corriere del Mezzogiorno)

Ne parlano anche altri giornali

L'incendio segue quello di ieri che ha distrutto parte della macchia mediterranea del Cratere degli Astroni, Oasi naturalistica alle porte di Napoli Le fiamme sono divampate nel primo pomeriggio, e i roghi stanno interessando sia la sommità - dove insistono delle cisterne d'epoca romane - che la base del costone occidentale del cratere del Lago d'Averno, nei Campi Flegrei. (ilmattino.it)

Fuochi d’artificio utilizzati per festeggiare nel corso di un ricevimento in villa. Due le persone denunciate per concorso in incendio boschivo: un 33enne di Pianura, parcheggiatore abusivo all’esterno della villa, e un 59enne, titolare del locale (Grande Napoli)

Solo negli ultimi 3 anni abbiamo contato 56 roghi di montagne, pinete o appartamenti causati dai botti illegali Incendio Oasi degli Astroni, individuati i responsabili. (Napoli.zon)

Cratere degli Astroni, fuochi d’artificio dopo la cerimonia

Per qualche sguardo ammirato rivolto alle forme brillanti generate da fuochi pirotecnici accesi senza alcuna attenzione. Pauroso incendio: in fiamme 50 ettari di macchia mediterranea Lo spegnimento è costato l'impiego di decine di uomini e mezzi. (Ottopagine)

Secondo i responsabili dell'Oasi Wwf, l'incendio è stato "originato da un uso criminale di fuochi pirotecnici". Il Wwf, come sempre, sarà a fianco delle autorità inquirenti offrendo il massimo supporto per l’individuazione dei responsabili" (NapoliToday)

Domenica sera, poco prima della mezzanotte, la cerimonia volgeva al termine quando nove batterie di fuochi d’artificio hanno illuminato il cielo sopra il cratere degli Astroni. Ma hanno mandato in fiamme 50 ettari di vegetazione. (Corriere del Mezzogiorno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr