Inflazione Usa cresce meno delle attese, crescita mensile dato core al minimo da febbraio

Inflazione Usa cresce meno delle attese, crescita mensile dato core al minimo da febbraio
Più informazioni:
MPS
Yahoo Finanza ECONOMIA

I salari reali sono saliti tuttavia su base settimanale dello 0,3%, più del calo dello 0,1% previsto.

Su base mensile, il dato è cresciuto dello 0,3%, meno del +0,4% stimato e in rallentamento rispetto al +0,5% di luglio.

L'inflazione degli Stati Uniti misurata dall'indice dei prezzi al consumo è salita ad agosto del 5,3%, come da attese, e in lieve rallentamento rispetto al +5,4% precedente.

A livello mensile il dato core è salito dello 0,1%, meno del +0,3% stimato, dopo il +0,3% di luglio e al minimo dal febbraio scorso

Escluse le componenti più volatili rappresentate dai prezzi dei beni energetici e alimentari, l'indice dei prezzi al consumo è salito del 4% su base annua, meno del +4,2% atteso e meno anche del +4,3% di luglio. (Yahoo Finanza)

Ne parlano anche altri media

Numeri inferiori alle attese probabilmente eserciteranno pressione sul dollaro USA mentre aumenteranno il prezzo dell’argento e di altri metalli preziosi. Prezzo dell’argento (Invezz)

L’Usd/Sek dovrà mantenersi al di sopra di 8.53 circa per evitare la realizzazione di un testa e spalle ribassista. Nuova fase rialzista sopra 1.09 e negativo sotto 1.083. (Bluerating.com)

Il tanto atteso dato sull’inflazione negli Stati Uniti lascia tutto sommato invariati gli elementi che guidano i mercati in questo mese di settembre di transizione, con le forze della ripresa post-Covid e i timori per un eccessivo surriscaldamento dei prezzi (e per una reazione consequenziale della Banche centrali) a fronteggiarsi in un ideale (Il Sole 24 ORE)

Cambi: dollaro perde terreno dopo inflazione Usa sotto attese (RCO)

TOKYO AL TOP. Il mercato giapponese ha messo a segno rialzi già dalle scorse settimane, quando il premier Suga ha annunciato che non si ricandiderà. La Borsa di Tokyo chiude al top, con l’indice Nikkei a +0,70%, a 30670,10 punti, livello più alto da agosto del 1990. (Yahoo Finanza)

Si avvicina intanto la riunione del Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed, che inizierà il prossimo 21 settembre A livello mensile il dato core è salito dello 0,1%, meno del +0,3% stimato, dopo il +0,3% di luglio e al minimo dal febbraio scorso. (Finanzaonline.com)

"Con l'avanzata della variante Delta negli Stati Uniti, la Fed resta preoccupata per le prospettive di crescita dell'economia americana. Il dollaro ha perso terreno, con l'euro salito a 1,1834 mentre il Dolx avanza dello 0,16% a 92,474. (Borsa Italiana)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr