Il killer è innocente a Kenosha | il manifesto

Il Manifesto ESTERI

Ha ammazzato due persone e ne ha ferito una terza, tutto su video.

«Not guilty on all charges», non colpevole per tutte le accuse.

E il ragazzino diventato omicida va giù come un sacco, singhiozzando sul suo avvocato, e quasi cade anche dalla sedia mentre il giudice Bruce Schroeder si congratula con i giurati e lo informa che è libero.

Ha fatto bene, dice il verdetto

Kyle Rittenhouse, 18 anni, quella notte a Kenosha, Wisconsin temeva «ragionevolmente» di essere ucciso o ferito, quindi ha legalmente aperto il fuoco con il fucile d'assalto che si era portato alla manifestazione. (Il Manifesto)

Su altre testate

Rittenhouse e' rincorso a più riprese e non prende mai l'iniziativa di attaccare. Scontri su scontri. (Corriere della Sera)

Per tutta la durata del processo, nel timore di incidenti, fuori dal tribunale è stato schierato l'esercito. Le associazioni contro il razzismo ribadiscono la richiesta di giustizia per quelle vittime, e sottolineano come negli Usa chi ha la pelle nera sia costretto a subire diseguaglianze perfiono davanti alla legge. (euronews Italiano)

Il verdetto di Kenosha, con l’assoluzione dell’adolescente bianco che la sera del 25 agosto 2020 uccise a colpi d’arma da fuoco due manifestanti bianchi anti-razzisti, “mette a nudo le divisioni dell’America”. (Il Fatto Quotidiano)

E Tom Nichols, ex docente al Naval War College, autore del saggio «Il nemico dentro» (Luiss), repubblicano, concorda: «Vero, e chi tifa per la sentenza lo sa benissimo» (La Stampa)

Uno di loro, Anthony Huber, prova a colpire il ragazzo con uno skateboard: a distanza di pochi centimetri, Rittenhouse spara anche a lui. Tra loro c’è Kyle Rittenhouse, 17enne arrivato da Antioch, Illinois, a 40 km di distanza. (Rolling Stone Italia)

I prescelti han fiutato l’aria, riconoscendo la «legittima difesa» di un individuo armato con un mitra da guerra AR-15 contro cittadini disarmati. E Tom Nichols, ex docente al Naval War College, autore del saggio «Il nemico dentro» (Luiss), repubblicano, concorda: «Vero, e chi tifa per la sentenza lo sa benissimo». (il mattino di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr