Ddl violenza sulle donne, Cartabia: "Possibilità del fermo se c'è pericolo per vittima"

AGI - Agenzia Giornalistica Italia INTERNO

Vista - "C'è la possibilità di applicare il fermo di fronte a forti indizi di reati che possono costituire un pericolo per le donne", così la ministra della Giustizia Cartabia nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi sul Ddl contro la violenza sulle donne.

/ Palazzo Chigi Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

(AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Ne parlano anche altre testate

violenza assistita, una ferita che lascia segni indelebili e che finalmente assume dignità anche a livello penale. Il sangue di vittime innocenti che hanno solo avuto la colpa di nascere o unirsi con l’uomo sbagliato (Panorama)

Liliana Segre si schiera a favore del pacchetto di nuove norme approvato ieri, 3 dicembre, in Consiglio dei ministri e che dà una stretta alla lotta contro la violenza sulle donne. E ha poi aggiunto: «La donna deve avere una sua dignità e rispetto da parte di tutti, così come l’uomo. (Open)

Vittime che ora potranno usufruire di un indennizzo pari a un terzo della cifra totale, come già previsto nei casi di estorsione. Inoltre, è previsto un aumento delle pene per chi è già stato ammonito precedentemente per violenza domestica. (Luce!)

Sulla stessa linea la presidente di Donne in rete contro la violenza. Tale sostegno è essenziale per le donne che «spesso non denunciano a causa della difficile condizione economica in cui si trovano», ha ricordato Lamorgese. (Domani)

Il premier in platea in prima fila come a benedire l’iniziativa senza volerla intralciare. E nessun uomo di mezzo, giusto il premier Mario Draghi, ma giù in platea, sia pure in prima fila, come a benedire l’iniziativa senza volerla intralciare. (Corriere della Sera)

E così altre donne sono state di nuovo vittime della furia incomprensibile da parte di ex mariti, ex fidanzati, e non solo. Fuggire via, è l’imperativo, guai se la ragazza si fa complice involontaria del mascalzone, perdonandolo, o addirittura consolandolo (Quotidiano del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr