Revisione PAC, Elisabetta De Blasis: ascoltate alcune istanze del mondo agricolo

Il Capoluogo INTERNO

L'europarlamentare Elisabetta De Blasis: "Con revisione PAC riduzione degli oneri burocratici per i piccoli coltivatori". “Ieri finalmente alcune delle richieste fatte dal Governo italiano a sostegno degli agricoltori sono state accolte a Bruxelles. Infatti, con l’approvazione da parte del comitato speciale Agricoltura della revisione della Politica agricola comune, proposta dalla Commissione Europe, alcune delle istanze che il mondo agricolo ha portato con forza all’ attenzione negli ultimi mesi, entreranno nella PAC. (Il Capoluogo)

La notizia riportata su altre testate

Ma la decisione non è stata sufficiente a fermare i trattori che ieri hanno di nuovo invaso le strade di Bruxelles, lanciando petardi e letame, bruciando copertoni e balle di fieno, a pochi passi dalla sede dove erano riuniti i ministri dell’Agricoltura dell’Ue. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Nel giorno in cui i trattori tornano in piazza con una manifestazione di circa 250 mezzi a Bruxelles, l'Ue è costretta a fare un'importante concessione agli agricoltori con il via libera alla revisione della Politica agricola comune (Pac). (ilGiornale.it)

La revisione punta a "ridurre gli oneri amministrativi e a dare una maggiore flessibilità per il rispetto" dei vincoli ambientali, sottolinea il Consiglio Ue. (ilmessaggero.it)

Pac, eurodeputata Gemma: Governo Meloni ha ottenuto la revisione delle regole Ue concordata con gli agricoltori italiani e meridionali. Di seguito la nota integrale. L’Europa ha dato ragione al governo Meloni e ha raccolto il grande lavoro portato avanti dal ministro Lollobrigida che da vari mesi è impegnato a dare risposte concrete al settore. (Sassilive.it)

Nelle intenzioni delle istituzioni Ue - tenta di risolvere le difficoltà emerse nell'attuazione dei piani strategici e mira a semplificare, ridurre gli oneri amministrativi e fornire una maggiore flessibilità per il rispetto della condizionalità rafforzata. (Agronotizie)

Con le decisioni della riunione del Comitato Speciale per l’Agricoltura, riunitosi oggi a Bruxelles, l’Europa ha cominciato a dare risposte alle numerose proteste degli agricoltori. Il Comitato Speciale ha riconosciuto che le condizionalità ambientali enucleate nelle norme GAEC (Good agricultural and environmental conditions), in presenza di condizioni climatiche avverse, potranno essere modificate e rimodulate dagli Stati Membri i quali potranno emanare deroghe mirate. (Agenda Politica)