Chiusi due centri estetici a luci rosse: al posto dei massaggi prestazioni sessuali

Chiusi due centri estetici a luci rosse: al posto dei massaggi prestazioni sessuali
SardiniaPost INTERNO

Manuel Scordo. Prestazioni sessuali al posto dei massaggi.

Sono in corso ulteriori accertamenti anche sulle ragazze che lavoravano all’interno dei centri massaggi, tutte giovani cinesi

È quanto accadeva in due centri estetici in via Peretti e viale Sant’Avendrace a Cagliari.

Al momento non si conosce il giro d’affari, da quanto si apprende i due centri massaggi a luci rosse, erano aperti e attivi da tempo. (SardiniaPost)

Se ne è parlato anche su altre testate

La Polizia di Cagliari ha chiuso e sequestrato due centri massaggi poiché, secondo l'ipotesi investigativa, all'intero si svolgeva un'attività legata allo sfruttamento della prostituzione. La Polizia osservava da tempo l'attività dei due esercizi: durante le indagini, gli agenti hanno scoperto che all'interno operavano donne cinesi, alcune giovani, avviate alla prostituzione. (Olbiapuntoit)

Si è scoperto che le stanzette destinate ai massaggi erano state trasformate in alcove. Qui – secondo l’accusa – ragazze cinesi avviate alla prostituzione offrivano prestazioni sessuali, con tariffe che variavano da 50 a 100 euro, pagate direttamente alle titolari dei due centri massaggi (LinkOristano)

(Unioneonline/v. Le indagini hanno quindi consentito di acclarare che all’interno delle attività, una in via Peretti e una in via Sant’Avendrace, alcune giovani, sempre di nazionalità cinese, erano state avviate alla prostituzione. (L'Unione Sarda.it)

Chiusi due centri massaggi per sfruttamento della prostituzione a Cagliari

Le indagini degli investigatori della Polizia di Stato proseguiranno per il riscontro di eventuali ulteriori sviluppi Le indagini dei poliziotti della Mobile hanno consentito di acclarare che all’interno delle due attività, una in via Peretti e una in via Sant’Avendrace, alcune giovani, sempre di nazionalità cinese, erano state avviate alla prostituzione. (Casteddu Online)

Le prestazioni, che costavano dai 50 fino ai 100 euro, venivano pagate dai clienti direttamente alle due titolari denunciate. Gli investigatori della sezione criminalità diffusa della Squadra Mobile, nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto dello sfruttamento della prostituzione, osservavano i loro movimenti da tempo e soprattutto monitoravano il via vai di clienti nei due centri massaggi da loro gestiti. (Sassari Oggi)

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683. (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr