Addio Ennio Doris: mr. Mediolanum. Da Padova alla grande Milano, il banchiere della porta accanto

Addio Ennio Doris: mr. Mediolanum. Da Padova alla grande Milano, il banchiere della porta accanto
Il Gazzettino ECONOMIA

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

Uno avrebbe vinto la medaglia d'oro col tandem alle Olimpiadi di Roma del 1960, l'altro sarebbe diventato uno degli uomini più ricchi d'Italia.

Alle elementari Giuseppe Beghetto e Ennio Doris erano compagni di banco, andavano a scuola in bicicletta e tifavano per Fausto Coppi.

«Già allora.

Nella Tombolo del dopoguerra, Alta Padovana, il paese dei mediatori di bestiame, tutti si chiamavano Andretta, Beghetto, Pilotto e qualcuno Doris e Baggio (Il Gazzettino)

Se ne è parlato anche su altre testate

Una nefrite colpì Ennio quando aveva 10 anni ed è stata la sua "fortuna". "Ma quale Covid, ecco cosa condanna l'Italia": Ennio Doris, nell'ultima intervista l'inquietante profezia sul nostro futuro. . . (LiberoQuotidiano.it)

Immeritatamentef inii anche ioin questa cerchia e interpellato mi venne spontaneo definire Ennio Doris “un contadino”. (LiberoQuotidiano.it)

Un vero tormentone, imitato anche da un irresistibile Maurizio Crozza, che l'aveva portato nelle case di tutti. «Lì ho capito quello che dovevo fare - racconterà Doris anni dopo - Avere successo non perché sono bravo a vendere, ma perché sono utile alle persone». (Il Messaggero)

Ennio Doris, il banchiere dal volto gentile. Con l’amico Silvio creò Mediolanum

«Ennio Doris era uno di noi, con una grande sensibilità e attenzione per la nostra comunità. di Giovanna Maria Fagnani. L’ultimo regalo di Ennio Doris, fondatore di Banca Mediolanum, è stata un’ambulanza hi-tech in grado di sanificare l’aria. (Corriere della Sera)

Folla alla camera ardente di Doris, Pirovano (Mediolanum): "Uomo semplice e grande banchiere" 25 novembre 2021. (LaPresse) Aperta al pubblico la camera ardente di Ennio Doris, fondatore e presidente onorario di Banda Mediolamun, deceduto ieri. (Il Sole 24 ORE)

Quando, 40 anni fa, incontra Silvio Berlusconi, è già un professionista di successo. Abbiamo il dovere di fare cose che vadano bene per i clienti, per gli agenti, per l’azienda e anche per il pianeta». (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr