Arrestati 10 albanesi grazie a una “app spia”

TORINO - Una "app spia" installata sui loro cellulari controllava i movimenti delle prostitute. E i loro guadagni venivano reinvestiti nella produzione industriale di marijuana. Lo hanno scoperto i carabinieri di Torino, che hanno arrestato 10 albanesi. Fonte: Corriere del Ticino Corriere del Ticino
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.
Loading....