Abuso di posizione dominante, multa da 100 milioni per Google

Rai News ECONOMIA

Secondo quanto accertato dall'Autorità, Google non ha consentito l'interoperabilità dell'app Juice Pass con Android Auto, una specifica funzionalità di Android che permette di utilizzare le app quando l'utente è alla guida nel rispetto dei requisiti di sicurezza e di riduzione della distrazione.

Lo si legge in una nota dell'Autorità.

Inoltre Google è un operatore di assoluto rilievo, a livello globale, nel contesto della cosiddetta economia digitale e possiede una forza finanziaria rilevantissima, si legge nella nota. (Rai News)

La notizia riportata su altri giornali

Il perdurare di questa condotta potrebbe compromettere definitivamente la possibilità per Enel X Italia di costruire una solida base utenti, in una fase di crescita significativa delle vendite di veicoli elettrici. (Sky Tg24 )

Il motivo di questa importante decisione da parte dell’Autorità riguarda una violazione dell’art. JuicePass, lo ricordiamo, è l’applicazione sviluppata da Enel X Italia che offre agli utenti un ampio ventaglio di funzionalità legate alla ricarica delle auto elettriche, come ad esempio la gestione della sessione di ricarica, la prenotazione della colonnina di ricarica e molto altro. (TuttoAndroid.net)

Così facendo si favorisce indirettamente, ma in modo determinante, Google Maps, già presente su Android Auto ed in grado di fornire medesimo servizio. Il commento di Google. Questo il commento di un portavoce Google a poche ore dalla comunicazione AGCM: (Punto Informatico)

Secondo l'autorità garante della concorrenza il sistema operativo android e l'app google play controllerebbero l'accesso degli sviluppatori di altre app agli utenti finali. Il caso in particolare era nato dall'esclusione da android di una app sviuluppata dall'Enel per i servizi ai veicoli elettrici. (TG La7)

L'Autorità conclude che Google non può rifiutarsi di pubblicare JuicePass di Enel X e non può continuare a impedirne l'utilizzo su Android Auto Da parte sua Google ha ritenuto rigettare la richiesta di pubblicazione disu Android Auto escludendola ormai da oltre 2 anni. (IlSoftware.it)

La replica - «Siamo rispettosamente in disaccordo con la decisione dell'AGCM, esamineremo la documentazione e valuteremo i prossimi passi», afferma un portavoce di Google commentando la multa. L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato una sanzione di oltre 100 milioni di euro (102.084.433,91) alle società Alphabet Inc. (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr