Il Fondo impresa femminile da 40 milioni è operativo, pubblicato il decreto

Resto al Sud ECONOMIA

Con un successivo provvedimento ministeriale saranno indicati i termini di apertura per la presentazione delle domande attraverso cui richiedere le agevolazioni.

Il progetto è inserito tra le linee di intervento del Ministero dello sviluppo economico nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, che prevede complessivamente 400 milioni a sostegno dell’imprenditoria femminile.

Possono presentare domanda, inoltre, le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa femminile. (Resto al Sud)

Ne parlano anche altri media

Lo affermano Luigia Melaragni e Lucia Maria Arena, rispettivamente segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia e presidente di CNA Impresa Donna territoriale. – “È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che rende finalmente operativo il Fondo Impresa Femminile, istituito con la legge di Bilancio 2021 per favorire investimenti e servizi nell’imprenditorialità femminile. (Tuscia Times)

Il lavoro e la crescita delle imprese guidate da donne sono determinanti per una ripresa economica robusta e davvero sostenibile”. Il Fondo è tra le linee di intervento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che prevede, complessivamente, 400 milioni di euro per l’imprenditoria femminile”. (NewTuscia)

Possono presentare domanda, inoltre, le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa femminile. (Terre Marsicane)

“La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto con le misure volte ad incentivare la nascita di imprese femminili e per lo sviluppo e il consolidamento di quelle già esistenti apre una nuova fase per l’imprenditoria femminile”: è il commento di Rosa Gentile, presidente del Comitato Imprenditoria Femminile Camera Commercio Basilicata e dirigente nazionale e regionale di Confartigianato. (Radio Senise Centrale)

Possono beneficiare degli “incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili”, le imprese femminili costituite da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, e le lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione. (greenMe.it)

Tale comunicazione si rende necessaria per fare chiarezza circa la nostra posizione e soprattutto per correttezza e rispetto nei confronti della città di Salerno e dei tifosi della Salernitana, che meritano grandi soddisfazioni (Calcio In Pillole)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr