Umbria seconda regione più cara d'Italia. Il picco a Perugia, va meglio a Terni

Umbria seconda regione più cara d'Italia. Il picco a Perugia, va meglio a Terni
Corriere dell'Umbria INTERNO

L’unica segno meno arriva dai trasporti che confermano il trend nazionale: -1,3% dovuto al lockdown della scorsa primavera

Dato che fa dell’Umbria la seconda regione più cara d’Italia.

Terni è lontana dalla vetta delle prime dieci con il suo +0,5% (+119 euro).

L’inflazione vola nel capoluogo, ad una velocità praticamente doppia rispetto all’altra provincia, quella di Terni: per gli abitanti della Conca i rincari per una famiglia media si aggirano attorno ai 119 euro. (Corriere dell'Umbria)

Se ne è parlato anche su altri media

A Terni si scende fino a 69,8 ogni 100 mila abitanti, mentre a Perugia in quello stesso momento - tra il 18 e il 24 gennaio - si contano 234, 11 casi ogni 100 mila abitanti. Nella rilevazione precedente, sempre elaborata dal Nucleo di valutazione epidemiologica della Regione Umbria, l’incidenza di Perugia era di 344, 67 casi ogni 100 mila abitanti. (Corriere dell'Umbria)

Anche qui c’è attesa per la campagna vaccinale: «L’auspicio è che ci siano risorse per tutti. Con la giunta e l’amministrazione abbiamo dato la giusta assistenza, spesso porta a porta per sincerarci della condizione delle persone. (umbriaON)

E dato che nel Ternano il virus si diffonde in maniera contenuta, questo starebbe a significare che le due varianti – brasiliana e inglese – in quei territori al momento circolino in maniera davvero limitata. (LA NAZIONE)

Prorogata la zona rossa fino al 28 febbraio « ilTamTam.it il giornale online dell'umbria

Con 474,34 dosi consegnate ogni 10 mila abitanti l’Umbria è l’ultima regione in Italia per disponibilità di vaccini, a fronte di una media nazionale di 612,20. Ciò, nonostante il fatto che la nostra regione abbia un alto indice di mortalità, secondo solo a quello del Friuli. (umbriaON)

Le guarigioni riscontrate nello stesso arco temporale sono state 269 (totale 33.230). Si registrano purtroppo altri 13 decessi con Covid-19, relativi ai territori di Bastia Umbra, Bettona, Deruta, Foligno, Marsciano, Perugia (5), Piegaro, San Giustino e Tuoro sul Trasimeno, per un totale che sale a 972. (umbriaON)

Amelia, infatti, da questa sera non sarà più compresa nella così detta “zona rossa”. Il provvedimento sarà suscettibile di modifiche in ragione dell’eventuale mutamento delle condizioni epidemiologiche ad esito delle attività di sorveglianza e monitoraggio appositamente implementate (Tam Tam)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr