Secondo giorno consecutivo di rialzo per l'indice Ftse delle banche italiane con Mps in testa

Secondo giorno consecutivo di rialzo per l'indice Ftse delle banche italiane con Mps in testa
Milano Finanza ECONOMIA

L'indice Ftse delle banche italiane rimbalza per il secondo giorno consecutivo dopo il brusco sell-off dovuto alle preoccupazioni per la diffusione della variante Delta del coronavirus.

Nel dettaglio, secondo MF, il Mef definirà un documento per il deal che possa costituire lo schema di partenza per definire un'aggregazione.

Peraltro, sempre secondo MF, Mps potrebbe annunciare in occasione della presentazione dei risultati l'estensione dell'accordo con Anima (+1,69% a 3,97 euro in borsa) sul risparmio gestito che scade nel 2030

Oggi segna un +1,70% a 8.716 punti con Unicredit (+2,53%), Banco Bpm (+1,85%), Intesa Sanpaolo (+1,63%), Mediobanca (+1,95%) e Mps (+4,04% a 1,107 euro) in spolvero. (Milano Finanza)

Ne parlano anche altre testate

Si scrolla di dosso le vendite di ieri anche Saipem che oggi viaggia in rialzo di circa l'1,86 per cento. Intanto sul'Aim Italia si mette in luce anche Officina Stellare, con un rialzo di oltre il 2% a 15,9 euro. (Yahoo Finanza)

In luce anche il lusso: crescono Moncler (+2%) e Salvatore Ferragamo (+2,31%), che pubblicherà i conti semestrali questo pomeriggio. Nel settore bancario in evidenza Banco Bpm (+2,17%), Intesa Sanpaolo (+1,94%), Unicredit (+1,36%), Mediobanca e Bper Banca. (Milano Finanza)

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

Ftse Mib future: spunti operativi per mercoledì 21 luglio

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

Piazza Affari, i titoli azionari preferiti dai gestori. Piazza Affari, i titoli preferiti per i prossimi mesi. “Dopo il forte rally dei mercati azionari dall’inizio dell’anno, l’outlook indica qualche incertezza nel breve termine”, sottolinea Scauri. (Wall Street Italia)

Prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà necessaria un’adeguata fase riaccumulativa. Il Ftse Mib future (scadenza settembre 2021) è stato infatti respinto da quota 24.200 ed è sceso verso i 23.800 punti. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr