Medici di famiglia, cosa cambia per i vaccini

Medici di famiglia, cosa cambia per i vaccini
IL TELEGRAFO Livorno SALUTE

Un compito affidato ai medici di famiglia con il supporto dell’Asl Nord Ovest.

"Sì, anche se avremo ancora una settimana di rodaggio perché i medici avranno solo sei dosi per sette giorni.

Di tutto questo ne parliamo con Pasquale Cognetta, presidente provinciale dei medici di medicina generale e dell’ordine dei medici.

I medici di famiglia sono fondamnentali, ma hanno molti compiti e vanno aiutati con servizi e supporto di personale almeno in particolari momenti"

"Sì per i medici di famiglia che hanno lo studio da soli avremo dei centri vaccinali nei distretti Asl dove ci sarà un ambulatorio attrezzato apposito. (IL TELEGRAFO Livorno)

Su altre fonti

Nuovamente viene sollevata la questione del medico di base la cui assistenza verrà meno non solo per Carlopoli ma anche per cittadini dei paesi vicini. Non possiamo restare in attesa della pubblicazione della zona carente che avverrà, se tutto va bene, tra qualche mese» (CatanzaroInforma)

Per le vaccinazioni del personale delle scuole di Parma e provincia sono in corso di definizione le modalità organizzative di presa in carico dei medici di medicina generale. Il loro invito: "Aspettare gli avvisi di apertura delle prenotazioni prima di chiamare il proprio medico per prenotare il vaccino". (La Repubblica)

In sostanza, a parte la tariffa base saranno le singole regioni a dover finanziare eventuali diffrenze per compensi più elevati" Il finanziamento sarà progressivamente definito sulla base dell’andamento della campagna vaccinale e degli obiettivi e dei target assegnati ai mmg. (News Town)

Vaccino in ambulatorio, intesa medici di base-Stato-Regioni. «Pronti 35.000 camici bianchi» - Il Mattino.it

Una linea che non sembra convincere alcuni esperti italiani, ma c’è assolutamente bisogno di un cambio di passo per far ripartire l’economia. ROMA – Vaccini Covid, intesa raggiunta tra medici di base, Governo e Regioni. (News Mondo)

Dove ha parlato del numero di dosi in arrivo: numero che dovrebbe raggiungere - entro la fine di marzo - i 13 milioni di dosi dall'inizio della campagna vaccinale. In particolare, il nuovo documento definisce la partecipazione dei medici di base alla campagna vaccinale anti coronavirus in corso. (Il Gazzettino)

Prosegue la campagna vaccinale anti Covid: via libera al protocollo d'intesa nazionale tra i medici di famiglia con governo e regioni. L'invito di Locatelli è a farsi trovare pronti quando arriverà in numero più consistente le dosi (Il Mattino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr