Coronavirus: Verì, basta diffondere numeri senza fondamento sulle vaccinazioni

Coronavirus: Verì, basta diffondere numeri senza fondamento sulle vaccinazioni
Onda Tv INTERNO

Coronavirus: Verì, basta diffondere numeri senza fondamento sulle vaccinazioni was last modified: by

“Purtroppo – conclude la Verì – resta il nodo dell’incertezza nelle consegne delle dosi, che subiscono tagli poche ore prima del recapito.

Lo puntualizza l’assessore alla Salute, Nicoletta Verì, che torna a ribadire come l’organizzazione allestita in Abruzzo (e coordinata dal referente regionale Maurizio Brucchi) funziona e i numeri lo confermano. (Onda Tv)

Su altri giornali

Lo afferma il Capogruppo M5S in Regione Abruzzo Sara Marcozzi Non mi stupisce, quindi, che un filone di inchiesta riguardi proprio questo tema, per capire se siano o meno state già vaccinate persone che in realtà non erano nell’elenco dei soggetti prioritari. (HG news)

Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari, contrari alla pubblicazione, potranno segnalarcelo contattando la redazione. L’Aquila Blog, quotidiano on-line e web-tv registrato al Tribunale dell’Aquila n. (L'Aquila Blog)

Ricoverato nel reparto di Medicina Covid, l’uomo, che aveva altre patologie, è morto poco dopo. Era rientrato da poco dall’Umbria l’abruzzese risultato positivo alla variante brasiliana del coronavirus, morto nei giorni scorsi all’ospedale di Chieti. (Rete8)

Vaccinazioni: per Verì l'organizzazione allestita in Abruzzo funziona – Corriere Peligno

Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari, contrari alla pubblicazione, potranno segnalarcelo contattando la redazione. 2012 - 2020 laquilablog.it Developed and updated by Mister Wolf - All rights reserved Privacy Policy (L'Aquila Blog)

È morto all’età di 67 anni, l’uomo abruzzese risultato positivo alla variante brasiliana del Covid-19 e rientrato da poco dall’Umbria. I familiari si trovano in isolamento (triestecafe.it)

La macchina funziona, pur con qualche piccola difficoltà, come quanto accaduto ieri con le vaccinazioni degli operatori scolastici con oltre 55 anni di età con Astra Zeneca. “Purtroppo – conclude la Verì – resta il nodo dell’incertezza nelle consegne delle dosi, che subiscono tagli poche ore prima del recapito. (Corriere Peligno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr