Revenge porn a Salerno, fermati due adolescenti. Nelle chat i video hot di ragazze minorenni

Revenge porn a Salerno, fermati due adolescenti. Nelle chat i video hot di ragazze minorenni
Metropolis INTERNO

L’inchiesta, coordinata dalla Procura per i Minorenni di Salerno, inizialmente ha permesso di appurare che uno dei due ragazzi aveva diffuso tramite Whatsapp un video sessualmente esplicito della sua ex fidanzata.

In particolare, secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti, uno dei due minorenni avrebbe effettuato un vero e proprio baratto, provocando la diffusione ‘inarrestabile’ dei contenuti pedopornografici

Due adolescenti salernitani sono destinatari di un’ordinanza cautelare che dispone il collocamento in comunità: entrambi minorenni, sono ritenuti responsabili di gravi episodi di revenge porn e di diffusione di materiale pedopornografico. (Metropolis)

Su altre fonti

IL FOCUS Telegram, fra violenti e No vax: ecco come funziona l'app Immagini che, successivamente, sono state «barattate» dall'amico su chat di gruppo WhatsApp e Telegram, innescando un conseguente effetto a catena. (ilmattino.it)

#12settembre Salerno, #PoliziaPostale e Sezione PG eseguono collocamento in comunità di 2 minori per gravi casi di #revengeporn e pedopornografia Uno dei due, prima fidanzato con una ragazza, ha inviato all’altro le foto di lei in atteggiamenti intimi. (Ck12 Giornale)

È quanto ha disposto il gip del tribunale per i minorenni di Salerno dopo indagini della polizia postale e dei carabinieri partite dal fatto che via WhatsApp uno dei due indagati aveva inviato al suo amico un video sessualmente esplicito che aveva come protagonista la sua fidanzatina, con il chiaro intento per i pm di danneggiarla. (la Città di Salerno)

Salerno, revenge porn tra minori: mandava le foto dell’ex ragazza all’amico che le rivendeva su Whatsapp

APPROFONDIMENTI TORINO No vax, chat Telegram oscurate dal pm di Torino: pronti anche a. ROMA Andrea, 23 anni: «Io, ricattato sul web per quelle foto Domenica 12 Settembre 2021, 10:42 - Ultimo aggiornamento: 11:20. (ilmessaggero.it)

Macigni per chiunque difficilmente sopportabili che per una ragazza che oggi ha attorno ai 16 anni lo sono ancora di più. Un inferno che la ragazza quattordicenne di Salerno ha subito per lungo tempo, fino alla denuncia sporta assieme alla madre ad aprile scorso alla polizia di stato. (la Città di Salerno)

L’accusa è, quindi, di revenge porn e di detenzione, diffusione e commercializzazione di materiale pedopornografico. I due adolescenti sono in comunità: l’inchiesta ha rivelato un giro illecito che riguardava centinaia di persone. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr