Forlì, il primario del Morgagni Pierantoni: "Allarme Delta, attenzione ai contagi a scuola"

Forlì, il primario del Morgagni Pierantoni: Allarme Delta, attenzione ai contagi a scuola
Corriere Romagna SALUTE

Tuttavia, in base all’esperienza fatta sul campo in Ausl Romagna, il primario Valletta afferma di non evidenziare «una maggiore pericolosità per i bambini».

E con l’inizio della scuola i contagi no non potranno fare altro che aumentare».

«Personalmente – afferma il primario – credo che nell’arco di alcuni mesi si arriverà ad autorizzare alcuni vaccini anche per i bambini più piccoli

Fino a ora, sono sempre stati pochissimi i bambini che hanno sviluppato complicazioni importanti per via del Covid o che sono morti (nessuno a Forlì, ndr), anche con la variante Delta». (Corriere Romagna)

Se ne è parlato anche su altri media

Salernonotizie.it è il primo portale online completamente gratuito di Salerno e provincia. Ogni giorno notizie, curiosità, cronaca, sport e rubriche su Salerno, Napoli, Benevento, Avellino e Caserta. Milioni di news dalla Campania per tenerti sempre aggiornato in modo chiaro e veloce, un occhio vigile sui fatti della tua città (Salernonotizie.it)

Scoperta in Colombia nel gennaio 2021, la Variante Mu si è già diffusa in decine di Paesi, inclusa parte dell'Europa, Stati Uniti, Colombia, Corea, Giappone, Ecuador, Canada. In Italia finora sono stati individuati 79 casi, come ricorda il Fatto quotidiano. (Liberoquotidiano.it)

L’esperto ha asserito: “Sapevamo che il vaccino non dà protezione a lungo termine, cosa che non c’è neppure nei soggetti guariti. Giovanni Rezza/ "Nessun vaccino protegge al 100%, ma parliamo di un miracolo". (Il Sussidiario.net)

Cos’è la Variante Mu del Coronavirus e quanto è considerata pericolosa

APPROFONDIMENTI STATI UNITI A Los Angeles vaccino obbligatorio agli studenti over 12 MONDO Foto STATI UNITI Fauci: «Aumenteranno i bambini in ospedale» IL FOCUS Mille scuole chiuse negli Usa STATI UNITI Variante Delta, in Mississippi sei bambini morti nell'ultimo. (ilmessaggero.it)

In particolare si è osservato che la variante Mu è 12,4 volte più resistente rispetto ai sieri dei convalescenti e 7,5 volte rispetto a quelli degli individui vaccinati. «È stata cioè utilizzata solo la proteina Spike della variante Mu e delle altre varianti con le quali è stata confrontata (Il Sole 24 ORE)

La variante Mu del nuovo Coronavirus (lignaggio B.1.621), comparsa per la prima volta in Colombia l’11 gennaio 2021, è considerata dall’OMS di interesse (VOI), vale a dire che non risulta potenzialmente pericolosa quanto quelle preoccupanti (VOC), come la ormai dominante variante Delta. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr