Borse in rosso in attesa delle risposte dei governi al coronavirus. Via agli acquisti Bce, spread in calo

Borse in rosso in attesa delle risposte dei governi al coronavirus. Via agli acquisti Bce, spread in calo
la Repubblica la Repubblica (Economia)

Lora Btp e Bund tedeschi è in calo a 174 punti dai 184 punti della chiusura di ieri.

La moneta europea passa di mano a 1,0902 dollari e 120,71 yen.

Il comparto bancario è sotto osservazione dopo che's ha rivisto outlook o prospettive per 15 banche italiane, tenendo conto dell'emergenza coronavirus.

Ne parlano anche altre fonti

Si tratta di livelli mai visti prima, che infrangono il vecchio record di 695mila richieste nel 1982. Si tratta di un piano da 2.000 miliardi di dollari (circa 1.840 miliardi di euro) per contrastare gli effetti economici del coronavirus. (Finanza.com)

Su base rettificata l’eps si è attestato a 45 centesimi a fronte di ricavi in declino del 17,8% annuo a 4,80 miliardi. Le esportazioni sono cresciute di 0,7 miliardi di dollari a 136,5 miliardi e le importazioni sono diminuite di 5,3 miliardi di dollari rispetto al mese precedente, a 196,4 miliardi. (Investire Oggi)

Il Nikkei alla fine ha guadagnato il 7,13% a quota 118.092,35, aggiungendo 1.204 punti, mentre lo yen scendeva sul dollaro a 110,40. Spinto dalle misure della Fed per proteggere l'economia Usa, l'oro ha registrato un rialzo del 2% a quota 1.584,51 dollari l'oncia. (la Repubblica)

Si tratta di livelli mai visti prima, che infrangono il vecchio record di 695mila richieste nel 1982. A testimonianza di questo, dal fronte macro è giunto il pessimo dato sulle richieste di sussidio alla disoccupazione negli Stati Uniti (Finanza.com)

Sotto la lente del mercato il tanto atteso piano di stimoli arrivano ieri. Dopo una lunga trattativa, la Casa Bianca e il Congresso Usa hanno raggiunto l’accordo sul disegno di legge che prevede un piano di sostegno da 2 trilioni di dollari (2.000 miliardi di dollari). (Finanzaonline.com)

Dopo una lunga trattativa, la Casa Bianca e il Congresso Usa hanno raggiunto l'accordo sul disegno di legge che prevede un piano di sostegno da 2 trilioni di dollari (2.000 miliardi di dollari). A sostenere l'avanzata di ieri è stata la prospettiva di un maxi-piano di rilancio per l'economia americana contro il coronavirus. (Finanza.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti