Wall Street futures in ribasso in attesa Fed, Nasdaq dimezza perdite -1%. ‘Merito dei Buy The Dip’

Finanzaonline.com ECONOMIA

I futures sugli indici azionari Usa rimangono in ribasso, ma recuperano dai minimi: quelli sul Dow Jones scendono alle 11.15 ora italiana dello 0,31%, a 34.154 punti, dopo essere crollati fino a 350 punti.

I futures sul Nasdaq arretrano dell'1,17% a 14.336,50 punti, dopo essere scivolati fino a -2,2% circa.

Occhio al commento di Lindsey Bell, chief money e strategist di mercato di Ally:. "I buyer stanno tornando con il Buy The Dip". (Finanzaonline.com)

Su altri media

L’indice , che misura la volatilità sui mercati, è tornato a superare i 33 punti dopo aver toccato, ieri, quota 38 prima di chiudere a 30 punti Attesa per la Fed e taglio delle stime sul Pil globale mandano in rosso Wall Street. (Investing.com)

Wall Street torna a perdere terreno dopo il recupero incassato alla vigilia, in una sessione caratterizzata da una elevata volatilità. Alle 16 circa ora italiana, il Dow Jones perde 678 punti (-1,97%), a 33.686 punti circa; lo S&P 500 arretra del 2,54% a 4.294 punti, mentre il Nasdaq scivola del 3%, ovvero di oltre 400 punti, a 13.447 punti. (Finanzaonline.com)

A Wall Street, a circa un'ora dalla chiusura, il Dow Jones segna +0,2%, l'S&P -0,6% e il Nasdaq -1,2%. L'oro, si riprende rispetto a metà mattina e tratta n rialzo dello 0,35% a 1.843 dollari l'oncia. (Milano Finanza)

Male anche i futures sui principali indici azionari Usa: i futures sul Dow Jones crollano di 330 punti, ma erano scesi fino a -500 punti; futures sul Nasdaq -1,5%, futures sullo S&P 500 -1,20%. Come ampiamente anticipato, i tassi sui fed funds sono stati lasciati invariati nel range compreso tra lo zero e lo 0,25%. (Finanzaonline.com)

I futures sugli indici azionari Usa recuperano dai minimi della seduta, ma rimangono negativi. I futures sullo S&P 500 sono arrivati a capitolare di 61 punti (o -1,4%), mentre quelli sul Nasdaq 100 sono crollati fino a -1,87%. (Finanzaonline.com)

"Ci aspettiamo che la FED usi la riunione - l'ultima prima dell'atteso lift-off a marzo - per segnalare formalmente un imminente rialzo dei tassi, modificando la discussione sulle condizioni del mercato del lavoro nella sezione della forward guidance della dichiarazione per dire che l'occupazione massima sarà probabilmente presto raggiunta", ha commentato Tiffany Wilding, economista esperta di America Settentrionale di PIMCO. (Teleborsa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr