Depressione, Brunetto: "prevedere approcci di cura più innovativi per i pazienti"

Depressione, Brunetto: prevedere approcci di cura più innovativi per i pazienti
AlbengaCorsara News SALUTE

“Pertanto – conclude Brunetto –, ora più che mai, occorre prevedere per tempo che a livello di sistema sanitario nazionale, ma anche regionale, vengano intraprese azioni opportune per facilitare l’accesso agli approcci di cura più innovativi e appropriati per i pazienti che soffrono di depressione”

“Domani parteciperò alla tavola rotonda regionale, in programma alle 11.30, intitolata ‘Uscire dall’ombra della depressione’ e promossa dalla Fondazione Onda” riferisce il presidente della II commissione Salute e Sicurezza sociale e consigliere regionale Brunello Brunetto (Lega). (AlbengaCorsara News)

Su altre fonti

Spesso le persone ignorano questi segnali (anche nei bambini) e tendono ad attuare un adattamento passivo, e così il problema rimane" Secondo l'OMS infatti prima del Coronavirus le situazioni di disagio psicologico strutturato riguardavano circa 17 milioni di italiani e in particolare studi epidemiologici stimavano che il 5,4% della popolazione era affetto da depressione e il 6,7% per l’ansia. (Donna Fanpage)

In Toscana preoccupa il boom di disturbi di ansia, depressione e tendenze al suicidio dei giovani a causa della pandemia. (Controradio)

"A ciò si aggiunge la crisi economica, e quindi le difficoltà per molte famiglie, dovuta alle restrizioni adottate per fronteggiare la pandemia da Covid-19 a livello nazionale ed europeo" prosegue il consigliere leghista. (LaVoceDiGenova.it)

Depressione e Covid, Brunetto: occorre prevedere approcci di cura più innovativi

"Nell’ambito della salute mentale questa patologia costituisce la prima causa di disabilità a livello globale - ricorda Brunetto - Tuttavia, è evidente come oggi la depressione sia anche una delle tante conseguenze di questo periodo storico in cui, fino a quando non sarà vaccinata una larga parte di popolazione e usciremo dal tunnel, continuerà a sussistere una percezione di forte preoccupazione e impotenza". (SavonaNews.it)

Sono alcuni dei temi che il professor Andrea Fagiolini, direttore del Dipartimento di Salute mentale e della Psichiatria dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese, tratterà durante la trasmissione ’Uno mattina’, in onda su Rai 1. (LA NAZIONE)

Nell’ambito della salute mentale questa patologia costituisce la prima causa di disabilità a livello globale. A ciò si aggiunge la crisi economica, e quindi le difficoltà per molte famiglie, dovuta alle restrizioni adottate per fronteggiare la pandemia da Covid-19 a livello nazionale ed europeo. (Liguria Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr