Covid, cosa si può fare e cosa no: le regole dopo il nuovo decreto

Covid, cosa si può fare e cosa no: le regole dopo il nuovo decreto
News Mondo INTERNO

Coronavirus. Le nuove regole in zona Rossa. Andiamo allora a vedere quelle che sono le nuove regole in vigore in zona Rossa

Emergenza coronavirus, cosa si può fare e cosa no dopo il decreto approvato dal governo Draghi nella giornata del 22 febbraio.

Nuovo decreto Covid, cosa si può fare e cosa no. Come detto, le nuove misure interessano in particolar modo gli abitanti delle Regioni che si trovano in zona Rossa. (News Mondo)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Nuova stretta nel decreto legge Covid approvato ieri mattina dal Consiglio dei ministri e che vieta - a differenza del precedente - le visite nella abitazioni site all’interno delle zone rosse. Il decreto del 22 febbraio, inoltre, proroga il blocco degli spostamenti tra le regioni (anche in fascia gialla) fino al 27 marzo. (ChietiToday)

Si può fare sport all'aperto senza mascherina e in forma individuale, mantenendo i 2 metri di distanza, ma non si può uscire dal proprio comune di residenza o di domicilio Vietato, secondo quanto si apprende, anche trasferirsi nelle abitazioni private (seconde case) in zona rossa. (Il Giorno)

Si può andare dalle 5 alle 22 e sempre rimanendo all’interno del proprio comune. Motivi di lavoro - Si può uscire dalla propria regione per motivi di lavoro. (Notizie - MSN Italia)

Spostamenti Regioni, c’è il decreto: proroga al 27 marzo ufficiale

Il Consiglio dei ministri ha nominato, poi, il generale Pietro Serino nuovo capo di stato maggiore dell’Esercito, secondo quanto si apprende da fonti di governo al termine della riunione Stop agli spostamenti in zona rossa verso abitazioni private. (Quotidiano di Sicilia)

Il continuo entrare e uscire da zone colorate, senza che si riesca a piegare la curva in maniera strutturale, non aiuta. Nelle zone arancioni, per i Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, sono consentiti gli spostamenti anche verso Comuni diversi, purché entro i 30 chilometri dai confini (Tecnica della Scuola)

Scartata l’ipotesi di estendere il divieto fino al 5 marzo, come alcuni avevano anticipato. Il decreto legge sugli spostamenti interregionali entrerà in vigore dal 26 febbraio; a seguire alla fine del mese un nuovo Dpcm in sostituzione di quello in scadenza il 5 marzo. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr