Maxitruffa energetica, sequestrate due ville sull’isola

Maxitruffa energetica, sequestrate due ville sull’isola
Il Golfo 24 INTERNO

formalmente ubicate nelle province di Milano, Torino, Varese, Asti, Vercelli e Biella, in realtà vere e proprie scatole vuote utilizzate al solo scopo di ottenere e scambiare “certificati bianchi”

I certificati sono poi liberamente scambiabili sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica gestito dal Gestore dei Mercati Energetici S.p.a. (GME).

Il Gestore dei Servizi Energetici S.p.a. (GSE), società a partecipazione pubblica, riconosce sia alle aziende distributrici sia alle E. (Il Golfo 24)

Se ne è parlato anche su altre testate

Operazione “Carta Bianca”: scoperta maxi truffa nel settore energetico che generava il rincaro delle bollette. formalmente ubicate nelle province di Milano, Torino, Varese, Asti, Vercelli e Biella, in realtà vere e proprie scatole vuote utilizzate al solo scopo di ottenere e scambiare “certificati bianchi”. (Latina Tu)

Come funziona il meccanismo dei certificati bianchi? E’ partita dalla Valle d’Aosta l’indagine internazionale della Guardia di Finanza che ha portato alla scoperta di una maxi truffa intorno al meccanismo dei “certificati bianchi” con il conseguente arresto di 22 persone fra Italia e Germania e al sequestro di beni per 41 milioni di euro. (AostaSera)

Cinque società in capannoni vuoti, rette da prestanome, in Valle d’Aosta, Piemonte e Lombardia. Stando alle indagini iniziate nel luglio 2019 dalla Procura di Aosta, e passate con il loro ampliarsi alla Dda di Torino, quegli interventi di efficientamento però non […] (Il Fatto Quotidiano)

Maxi truffa dietro rincari su bollette, 22 arresti tra Italia e Germania | Manette anche nel Salernitano

Questi sono indagati per associazione a delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e riciclaggio di denaro. individuate attraverso l’ottenimento indebito di certificati bianchi per un valore totale di 27 milioni di euro. (l'Immediato)

individuate attraverso l'ottenimento indebito di certificati bianchi per un valore totale di 27 milioni di euro. Questi sono indagati per associazione a delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e riciclaggio di denaro. (il Giornale)

La presunta truffa si è sviluppata intorno al meccanismo dei cosiddetti”certificati bianchi” (o Tee, Titoli di Efficienza Energetica). I fatti risalgono al periodo 2016-2020. (L'Occhio di Salerno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr