Primi test del «green pass» dal 1 giugno. Anche per l'Italia

Primi test del «green pass» dal 1 giugno. Anche per l'Italia
Per saperne di più:
Il Manifesto INTERNO

Poi, entro giugno dovrà essere stilato il regolamento del Green Certificate, per renderlo compatibile con le app nazionali e infalsificabile.

Secondo la Ue, il sistema di emissione del pass sarà «tecnicamente operativo» già dal 1° giugno.

I vaccini sono gratuiti nella Ue, ma per il momento non tutti ne hanno accesso, vista la penuria e la situazione non sarà risolta entro fine giugno (l’obiettivo della Commissione è di vaccinare il 70% degli adulti entro fine estate). (Il Manifesto)

Se ne è parlato anche su altri media

Dovrebbe poi «riempire quattro moduli, fare un test Pcr e poi farne un altro per stare in Italia tre giorni. E, quando torna in Belgio, dovrebbe fare altri sette giorni di quarantena, con due test Pcr. (La Sentinella del Canavese)

Come funziona il green pass europeo. Il sistema del certificato digitale covid Ue permetterà facilmente la partecipazione dei Paesi terzi, che intendono accettare il sistema per permettere l'ingresso nel loro territorio. (Today.it)

Come funziona il green pass. In sintesi, quando un cittadino è sottoposto a un controllo del certificato Eu Covid-19, come è stato ribattezzato dopo l’ok del Parlamento europeo, mostra il green pass, sia in forma cartacea sia digitale. (Wired Italia)

L’Europa a portata di mano in tutte le regioni italiane: al via la nuova rete dei centri EUROPE DIRECT anche in Piemonte

Con il Green Pass, o certificato verde digitale, afferma l’alto funzionario dell’Ue “avremo un sistema sicuro, che rispetta la privacy, che dimostra che si è vaccinati, tamponati eccetera” E il certificato verde digitale dell’Ue sarà obbligatorio anche per i minori che saranno in viaggio per turismo nell’Unione dalla prossima estate. (Key4biz.it)

Lo sprint è stato confermato oggi dalla Commissione: Bruxelles vuole far sì. C’è anche l’Italia nel gruppo di testa di oltre 15 Paesi Ue che dal 10 maggio parteciperanno, sotto il coordinamento della Commissione europea, a una fase di prova dell’infrastruttura tecnica su cui poggerà il sistema dei certificati digitali Covid-19 validi in tutta Europa. (ilmattino.it)

Parte il 1° maggio la nuova generazione dei centri EUROPE DIRECT per il periodo 2021-25. I nuovi centri EUROPE DIRECT promuoveranno anche un coordinamento con tutte le reti europee presenti a livello regionale, per facilitare l’accesso dei cittadini e delle imprese alle informazioni su bandi, iniziative e progetti europei. (TargatoCn.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr