Discoteche, verso un protocollo per le ripartenze a luglio all'aperto

Discoteche, verso un protocollo per le ripartenze a luglio all'aperto
Gazzetta del Sud SALUTE

Al momento proseguono comunque in massa le prenotazioni dei ragazzi, che puntano al green pass.

Un nuovo protocollo sarà presentato entro un paio di giorni al Cts affinché sia valutato in breve tempo.

Su questi provvedimenti il centrodestra è compatto e sale il pressing sul ministro della Salute, Roberto Speranza, che al momento resta cauto.

La loro intenzione - spiegano - è "rafforzare la fiducia nelle Istituzioni ed evitare rischi inutili tra i nostri giovani»

Resta l’ipotesi del mantenimento della mascherina almeno in una prima fase, escludendo il momento del ballo. (Gazzetta del Sud)

La notizia riportata su altri media

C'è chi avverte solo un lieve dolore al braccio, chi invece viene colto da spossatezza, febbre, mal di testa. Più singolare il fatto, documentato, che al richiamo si reagisca in modo più violento rispetto alla prima somministrazione: «Con la vaccinazione il corpo risponde simulando la malattia - spiega Berger - (Ticinonline)

Dalla mezzanotte è possibile, per la fascia di età 35-39, prenotare il vaccino anti Covid attraverso i consueti canali (fascicolo sanitario elettronico, farmacie, numero dedicato, Cup). Dal 7 giugno, inoltre, è stata attivata la possibilità di prenotare la dose anche per i lavoratori e gli operatori del comparto turistico regionale. (il Resto del Carlino)

Da giovedì 10 giugno, invece, alle ore 24 fascia d’età 29-25 (nati 1992-1996) e domenica 13 giugno, alle ore 24, fascia d’età 24-17 (nati 1997-2004). Prenotazioni su: https://prenotavaccino-covid.regione. (Rietinvetrina)

Effetti collaterali, ecco perché si sta peggio dopo il richiamo

Nell’episodio di oggi del podcast «Corriere Daily» Silvia Turin riassume tutto quello che sappiamo sulla terza dose (che sarebbe la seconda per chi ha ricevuto il monodose Johnson & Johnson): dopo quanto sarà programmata, con quali vaccini e a chi sarà destinata E questo vale per tutti i vaccini in uso. (Corriere della Sera)

Negli Stati Uniti vengono impiegati i vaccini di Moderna e Pfizer e il siero monodose di Johnson & Johnson. Fino ad oggi infatti poco più della metà della popolazione adulta dello Stato ha ricevuto almeno una dose del vaccino ma il ritmo delle nuove somministrazioni sembra essere diminuito. (Il Giorno)

Ma se i ventenni danno lo sprint alla campagna vaccinale - con le le prenotazioni in massa dei ragazzi, che puntano al green pass - gli esperti frenano sugli Open Day, in particolare quelli con le inoculazioni di Astrazeneca, che porterebbero a rischio di trombosi. (Quotidiano.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr