Confcommercio, sparite oltre 90mila attività: «Città desertificate, c'è rischio che nulla torni come prima»

Confcommercio, sparite oltre 90mila attività: «Città desertificate, c'è rischio che nulla torni come prima»
Leggo.it ECONOMIA

- sottolinea ancora l'associazione - Le direttrici sono tre: un progetto di rigenerazione urbana, l'innovazione delle piccole superfici di vendita e una giusta ed equa web tax per ripristinare parità di regole di mercato tra tutte le imprese»

Cambia il tessuto commerciale. Tra il 2012 e il 2020 - secondo l'analisi - si è verificato un cambiamento del tessuto commerciale all'interno dei centri storici che la pandemia tenderà a enfatizzare. (Leggo.it)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Una grande mobilitazione, organizzata da Confcommercio Toscana e Confesercenti Toscana, che coinvolgerà gli imprenditori del terziario di tutta la regione per 'reclamare una diversa gestione dell’emergenza, alternativa alle chiusure imposte dalle normative antiCovid'. (055firenze)

E' nero il bilancio di un anno di pandemia per Confesercenti Torino che traccia la fotografia dei vari settori commerciali a 12 mesi dai primi casi di Covid in Piemonte. Anche guardando alla cassa integrazione si comprende bene la difficoltà del settore: commercio e turismo da soli hanno assorbito 6 ore su 10 sul totale di quelle concesse complessivamente in Piemonte. (La Repubblica)

E la Lombradia ancora una volta sembra in cima alla lista delle regioni più penalizzate. Effetto diei lockdown prolungati e di un ritorno alla normalità che sembra ancora molto lontano. (IL GIORNO)

In Italia spariti oltre 77mila negozi dal 2012

Leggi su romadailynews (Di mercoledì 24 febbraio 2021) Roma – “Gentile presidente Zingaretti, le scrivo a nome dell’intero Sistema diper l’Italia– Confederazione delle, delle Attivita’ Professionali e del Lavoro Autonomo, che ho l’onore di rappresentare. (Zazoom Blog)

mercoledì, 24 febbraio 2021, 13:41. Si chiude il percorso di partecipazione propedeutico all'adozione del Piano Operativo del Comune di Lucca. I due connazionali sono stai uccisi ieri (22 febbraio) nel corso di un attacco a un convoglio. (La Gazzetta di Lucca)

Tra il 2012 e il 2020 - secondo l'analisi - si è verificato un cambiamento del tessuto commerciale all'interno dei centri storici che la pandemia tenderà a enfatizzare. Ansa. . "Il rischio di non riavere i nostri centri storici come li abbiamo visti e vissuti prima della pandemia è, dunque, molto concreto e questo significa minore qualità della vita dei residenti e minore appeal turistico", sottolinea l'associazione. (FashionNetwork.com IT)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr