San Damiano D’Asti: minacciano con una pistola una donna che li aveva appena superati con l’auto, denunciati due sandamianesi

ATNews INTERNO

“La manovra non è piaciuta agli occupanti dell’auto sorpassata che affiancavano la donna e la minacciavano puntandole una pistola.

Nel tardo pomeriggio di domenica scorsa, una signora astigiana, mentre rientrava a casa con i figli minori a bordo della sua automobile, insospettita e preoccupata dagli strani movimenti dell’autovettura che la procedeva, credendo di aver a che fare con un ubriaco decideva di sorpassarla appena avuta la possibilità. (ATNews)

Su altri giornali

Si tratta di un uomo di 36 anni e di una donna di 29 anni residenti in provincia di Asti con molteplici precedenti. I carabinieri della stazione Torino Borgo San Secondo e del Nucleo Operativo Torino San Carlo hanno rintracciato la coppia che domenica mattina ha sparato contro un pullman della linea 64 in corso Rosselli a Torino dalla propria auto parcheggiata in seconda fila. (Quotidiano Piemontese)

Sono saliti sulla Peugeot scura parcheggiata in doppia fila, non senza inveire pesantemente contro il dipendente GTT e poi, andandosene, la donna che viaggiava sul lato passeggero, ha estratto una pistola ad aria compressa e ha esploso un colpo in direzione dell’autobus. (La Nuova Provincia - Asti)

Era infatti l'arma utilizzata nei giorni scorsi per sparare contro un bus in corso Rosselli, all'altezza della rotonda con corso Duca degli Abruzzi ( l'articolo dei colleghi di TorinOggi). L'hanno trovata i carabinieri che hanno denunciato una coppia per danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio. (LaVoceDiAsti.it)

È stata rintracciata dai carabinieri la coppia che domenica mattina, dopo aver lasciato l'auto in doppia fila per prendere il caffè, bloccando così la strada, ha sparato contro un pullman della linea 64 in corso Rosselli, all'altezza della rotonda di corso Duca degli Abruzzi. (La Stampa)

Il presidente Vjosa Osmani ha definito l'attacco "scioccante". (LaPresse) Ieri notte un uomo armato ha aperto il fuoco con un kalashnikov su un autobus che trasportava adolescenti a Gllogjan, in Kosovo, uccidendo tre persone e ferendone una quarta. (LaPresse)

IN CASA LA PISTOLA AD ARIA COMPRESSA. Le perquisizioni a casa e in macchina hanno permesso di ritrovare e sequestrare una pistola ad aria compressa, con caricatore inserito e priva di tappo rosso, nascosta sotto il cuscino della camera da letto dell’uomo, 1500 pallini in metallo per armi ad aria compressa, una carabina ad aria compressa calibro 4.5 e un mirino ottico di precisione. (Cronaca Qui)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr