Stellantis, per Fim-Cisl a causa della crisi dei chip 200 mila auto prodotte in meno nel 2022

Milano Finanza ECONOMIA

La stima è del sindacato Fim-Cisl, secondo cui nel primo semestre dell'anno sono state assemblate nel Paese 351.890 unità fra vetture e veicoli commerciali il 14% in meno di un già difficile 2021.

Si allontana l'obiettivo di un milione di vetture. Fim-Cisl prevede dunque che nel 2022 si perderanno circa 200mila/220mila vetture rispetto alle potenzialità produttive generate dagli ordini acquisiti.

Il gruppo riscontra una perdita complessiva nei volumi del 22,8%, con le autovetture a -18,8% e i veicoli commerciali a - 31%

La crisi dei chip costerà a Stellantis la produzione di circa 200 mila auto in Italia (Milano Finanza)

Su altri media

Nei primi mesi del 2022 la produzione si è ridotta del 17% rispetto al 2021 (-19.216 unità). Come già pubblicato ieri, la produzione di Stellantis in Italia è in calo. (FormulaPassion.it)

L'organizzazione sindacale spiega che Stellantis ha prodotto 351.890 veicoli nei primi sei mesi del 2022, con una flessione di quasi il 14% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. "La situazione dei chip non sta migliorando, il 2022 sarà tutto impattato da questa situazione e ci sarà una coda anche nel 2023" (Investing.com Italia)

«Per evitare ripercussioni negative, si è dovuti intervenire con vari strumenti, trasferte infra-gruppo, circa 250, e incentivazioni all’uscita su base esclusivamente volontaria che nell’ultimo anno ha coinvolto 830 lavoratori» evidenzia ancora il dossier della Fim Cisl. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Per una lettura integrale del comunicato i clienti Reuters possono fare doppio click su:. (Francesca Piscioneri, editing Agnieszka Flak) REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione. ROMA (Reuters) - Stellantis (BIT: ) comunicherà i risultati del primo semestre il 28 luglio, dice una nota del gruppo automobilistico. (Investing.com Italia)

“È come se uno dei grandi stabilimenti del gruppo si fermasse per un anno”, ha affermato, aggiungendo che la situazione della fornitura di chip non migliora quest’anno e influenzerà anche la produzione nel 2023. (ClubAlfa.it)

Invio il più sentito augurio di buon lavoro a mons. Betori che continuerà a stare accanto al suo popolo sardo stendendo la sua opera a livello nazionale accanto a mons. Zuppi. advertisement. L’autorevolezza e la capacità di interlocuzione dei vescovi italiani in questo passaggio difficile per il Paese rappresentano un importante valore sociale”. (Sardegna Reporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr