Stellantis, a Pratola Serra gli ultimi motori diesel

ilmattino.it ECONOMIA

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

L'appuntamento più atteso rimane fissato per l'1 marzo prossimo quando il Ceo di Stellantis, Carlos Tavares, annuncerà il primo Piano industriale del Gruppo nato dalla fusione tra Fca e Peugeot.

Ma per i circa 2mila addetti, tra diretti e indotto, dello stabilimento irpino di Pratola Serra il futuro è già noto: continueranno a produrre motori diesel, storica missione del sito, e in più dal 2024 realizzeranno tutti i propulsori diesel. (ilmattino.it)

Se ne è parlato anche su altri giornali

È importante che un’associazione come la nostra – sottolinea la presidente del Coro Polifonico Turritano, Maria Maddalena Simile – radicata in città da più di sessant’anni, sia in grado di creare anche questo tipo di iniziative per far crescere l’interesse delle famiglie, e soprattutto dei giovani, verso la musica È stato questo il filo conduttore del progetto “A tutta voce”, realizzato dall’Associazione Coro Polifonico Turritano con il patrocinio del Comune di Porto Torres. (Sardegna Reporter)

Questo ha a che fare con l’organizzazione della produzione, che va migliorata. Se applichiamo all’Italia le buone pratiche che esistono nel nostro gruppo, l’Italia stessa avrà un buon potenziale. (FormulaPassion.it)

“Il Molise non può restare alla finestra: il tema deve entrare anche nell’agenda della commissione competente della Conferenza delle Regioni come ha già fatto la Basilicata. Non possiamo permetterci, quindi, il rischio che l’operazione non vada in porto né le conseguenti ricadute sul tessuto produttivo e occupazionale (Molise Network)

Stellantis, “Tavares arriva nello stabilimento di Termoli ma non c’è niente da festeggiare”. TERMOLI. (Termoli Online)

Appello dei portavoce del M5S per velocizzare la decisione governativa e consentire di dare vita a Termoli all’unico stabilimento italiano di batterie per veicoli elettrici. TERMOLI. Con tutte le perplessità e le preoccupazioni che a cascata derivano da questo momento di stasi nelle trattative tra Governo e Stellantis (isnews)

Non и possibile confrontarsi con una multinazionale, uno dei cinque produttori di auto piщ importanti al mondo, limitandosi a raccogliere le sue richieste senza un piano nazionale per l’auto che preveda sostegno al settore, anche per i componentisti su cui vengono scaricati risparmi e costi e rischiano di pagare il prezzo piщ alto. (FormulaPassion.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr