Ubriaco entra in chiesa durante la Messa e minaccia il parroco, arrestato 24enne nel cosentino 

Ubriaco entra in chiesa durante la Messa e minaccia il parroco, arrestato 24enne nel cosentino 
Corriere di Lamezia INTERNO

Il giovane, su disposizione del magistrato di turno, veniva trattenuto nella camera di sicurezza della Stazione Carabinieri di Rogliano fino all’udienza direttissima di oggi pomeriggio, al termine della quale il giudice ha convalidato l’arresto operato e disposto nei suoi confronti l’irrogazione della misura cautelare personale dell’obbligo di presentazione alla P.G.

Le urla e le minacce rivolte dal ragazzo hanno costretto il parroco ad interrompere l’omelia e a rifugiarsi nell’adiacente casa canonica, mentre alcuni tra i fedeli presenti cercavano di riportare alla calma il ragazzo in attesa che giugessero i Militari dell’Arma. (Corriere di Lamezia)

Se ne è parlato anche su altre testate

– Non solo le botte e le violenze sulla moglie, ma anche l’umiliazione di costringerla ad avere rapporti con altre persone contro la sua volontà. Le indagini sono partite nei primi giorni di aprile, a seguito della denuncia della donna, residente in un comune della Valdera pisana. (Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente)

La delicata e complessa attività investigativa ha permesso di raccogliere numerosi elementi probatori a seguito dei quali l’Autorità Giudiziaria ha disposto la custodia cautelare in carcere. (VTrend)

A quel punto l'uomo ha cominciato a picchiare la compagna, con calci e pugni minacciandola di morte. Questo ha dovuto subire una giovane fiorentina per due lunghi anni da parte del suo ex compagno. (Toscana Media News)

Violenza sessuale fra le pareti domestiche, arrestato il marito

La cantante 19enne in un’intervista rilasciata a Vogue ha parlato di abusi sessuali e di quanto questi siano diffusi. “Non importa chi sei, qual è la tua vita, di chi ti circondi, quanto sei forte, quanto sei intelligente. (L'HuffPost)

Due dei giovani arrestati frequentavano casa nostra perché amici d’infanzia di mio figlio; mangiavano qui per anni e ora hanno tradito quella fiducia che c’era. Subito dopo avere appreso la notizia, ancora frastornato, si è presentato ai carabinieri insieme ai giovani che avrebbero violentato la figlia sostenendo che era ubriaca (Livesicilia.it)

La delicata e complessa attività investigativa ha permesso di raccogliere numerosi elementi probatori a seguito dei quali. l’autorità giudiziaria ha disposto la custodia cautelare in carcere per l'uomo (LA NAZIONE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr