Cartabia: "L'Italia deve rinascere a partire da Napoli"

Cartabia: L'Italia deve rinascere a partire da Napoli
Approfondimenti:
La Repubblica INTERNO

"Quando ho visto i dati di Napoli, mi sono chiesta cosa deve fare il ministero ma anche cosa negli anni, non ora, è successo anche nelle comunicazioni tra Roma e Napoli, perché si arrivasse a una situazione così?

"Ma se l'Italia non rinasce da qui, se la giustizia non riparte da qui, non ce la farà da nessuna parte".

", ha aggiunto Cartabia

Lo ha detto, da Napoli, il ministro della Giustizia Marta Cartabia, che oggi ha incontrato nel Nuovo Palazzo di Giustizia i capi degli uffici giudiziaria della Corte di Appello partenopea. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ci sono le parole al question time del ministro Marta Cartabia che dice di stare tranquilli, “spesso si è detto in questi giorni che i processi per mafia e terrorismo andranno in fumo Ci sono le parole, ci sono i fatti. (Il Fatto Quotidiano)

La norma transitoria prevede che l’improcedibilità si applichi solo ai processi per reati commessi dopo il 1° gennaio 2020 “Spesso in questi giorni si è detto che i processi di mafia e terrorismo andranno in fumo. (Il Fatto Quotidiano)

Lo ha detto il ministro della Giustizia Marta Cartabia, che a Napoli ha incontrato i vertici degli uffici giudiziari dei distretti della Corte d'appello partenopea. A Napoli 57mila processi pendenti. "Quando ho visto i dati di Napoli mi sono chiesta: cosa deve fare il Ministero? (NapoliToday)

Cartabia tira dritto: “Mafia? Nessun rischio, la riforma non vale per i reati puniti con…

Dai gruppi parlamentari presentati 916 subemendamenti. Condividi. "Status quo non è un'opzione sul tavolo. Queste le parole del ministro della Giustizia Marta Cartabia, che oggi ha incontrato nel Nuovo Palazzo di Giustizia di Napoli i capi degli uffici giudiziaria della Corte di Appello partenopea. (Rai News)

«Un paziente grave», lo definisce il ministro proprio mentre in Parlamento la sua riforma del processo penale viene investita da una pioggia di emendamenti, soprattutto M5S. «Siamo pronti a lavorare, con serenità, in commissione per trovare un punto d'incontro», sostiene Antonio Satta, capogruppo grillino in commissione Giustizia. (ilmessaggero.it)

Non è cosi: i procedimenti puniti con l’ergastolo non sono soggetti ai termini dell’improcedibilità”. “Spesso si è detto in questi giorni che i processi per mafia e terrorismo andranno in fumo. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr