Chiesti 4 mesi di carcere per la donna che causò la maxi caduta al Tour

Chiesti 4 mesi di carcere per la donna che causò la maxi caduta al Tour
La Gazzetta dello Sport SPORT

“Questa donna - ha continuato il n.1 del Tour - ha fatto un grandissimo errore che avrebbe potuto avere conseguenze più gravi, ma non è una terrorista”

La spettatrice aveva in mano il cartello “Allez Opi Omi” e venne investita dal gruppo.

Il direttore del Tour: “Fatto deplorevole ma non è una terrorista”. Matteo Pierelli. In contemporanea alla presentazione del Tour de France, si è aperto il processo contro la spettatrice che lo scorso 26 giugno causò la caduta di parecchi corridori nella Brest-Landerneau, prima tappa della Grande Boucle. (La Gazzetta dello Sport)

Ne parlano anche altre testate

Quando il gruppo era quasi arrivato in cima alla salita, infatti, contro il cartello (e la ragazza) era finito il tedesco Tony Martin, gregario di lusso della Jumbo Visma. (Corriere della Sera)

Ripartiremo da Lourdes con l'Aubisque e il Col de Spandelles prima di salire al traguardo di Hautacam. È un Tour aperto all'Europa e alle donne, visto che nel 2022 tornerà anche l'edizione femminile (otto tappe, ndr), che mancava dal calendario dal 2009. (il Giornale)

Plugge ha infatti lasciato intendere che, vista la presenza di pochi arrivi per velocisti puri, il corridore belga potrebbe valutare di correre con l’obiettivo della Maglia Verde. “Se Wout chiederà di poter competere per la Maglia Verde – ha spiegato il General Manager olandese – vedremo se e come sarà possibile farlo. (SpazioCiclismo)

ALAPHILIPPE. «UNA PRIMA SETTIMANA MOLTO INTRIGANTE»

È importante arrivare in buone condizioni fisiche“, ha concluso Quintana, che ha indicato soprattutto le tappe dell’Alpe d’Huez e del Col du Granon come quelle più importanti Per la prima volta dopo tanto tempo ho finito bene la stagione a livello fisico e ho voglia di lavorare per il prossimo anno”. (SpazioCiclismo)

Il classe 1998 sa comunque che, se saprà presentarsi con il giusto stato di forma, il percorso potrà esaltare le sue caratteristiche: “Penso che se starò bene, il percorso sarà adatto per me Il corridore della UAE Team Emirates ritiene comunque che il percorso possa essere adatto alle sue caratteristiche, in modo particolare se la condizione dovesse essere quella degli ultimi due anni. (SpazioCiclismo)

La stagione per Julian Alaphilippe si è conclusa la scorsa settimana in Italia, con il sesto posto al Giro di Lombardia Penso che sarà veramente uno spettacolo molto bello per il pubblico a casa e anche molto impegnativo per noi. (TUTTOBICIWEB.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr