Coronavirus Toscana, 174 contagi

Coronavirus Toscana, 174 contagi
gonews INTERNO

I dati, secondo quanto affermato proprio da Giani ieri, sarebbero in linea con la possibilità della Toscana di entrare in zona bianca.

Contagi 10 giugno - NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Ne dà notizia il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani sulla nota di aggiornamento sui social.

Contagi 10 giugno, casi in aumento. I nuovi casi registrati in Toscana sono 174 su 16.101 test di cui 8.184 tamponi molecolari e 7.917 test rapidi. (gonews)

Su altri media

Anche. la pressione sugli ospedali toscani continua ad attenuarsi:. i pazienti ricoverati nei posti letto dedicati al Covid sono complessivamente 341. (33 in meno rispetto a ieri, meno 8,8%) e 80 quelle in terapia intensiva (quattro. (LA NAZIONE)

Ieri i nuovi positivi erano 127, oggi quindi si contano 47 casi in meno. Il tasso dei nuovi positivi è 1,08% (2,8% sulle prime diagnosi).”. (IlGiunco.net)

Il tasso dei nuovi positivi è 1,08% (2,8% sulle prime diagnosi)" aggiunge Giani, sottolineando che tra gli hub disponibili per la vaccinazione c'è quello di Dicomano (FI), definita dal governatore "una perla del Mugello con una gloriosa storia e un grande presente" E' quanto scrive su Facebook il presidente della Toscana Eugenio Giani, anticipando come di consueto il principale dato del bollettino medico Asl. (FirenzeToday)

Turismo, Giani: "Fiducia per costa e città d'arte in Toscana"

Coronavirus, in Toscana 174 nuovi positivi. Il tasso dei nuovi positivi è 1,08% (2,8% sulle prime diagnosi)". (055firenze)

Lo ha reso noto Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, nella consueta anticipazione mattutina dei dati di oggi,, relativi alle ultime 24 ore, e che saranno pubblicati nel dettaglio nel primo pomeriggio. (SienaFree.it)

Lo ha affermato Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, intervenendo a Mattino Cinque su Canale 5. «L'anno scorso - ha detto - mi resi conto che la situazione più critica era nelle città d'arte, perché non avemmo flessioni per quanto riguardava le località balneari mentre invece molto di più rispetto al passato per le città d'arte, anche perché l'anno scorso il turismo fu un turismo tutto italiano». (LA NAZIONE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr